La rete ci propone altre indiscrezioni e ipotesi su quella che potrebbe essere PlayStation 5. Dopo i recenti rumor sulla retrocompatibilità di PS5 con i giochi PS4 e sul prezzo, che dovrebbe essere di 399 dollari al lancio, ecco che anche Digital Foundry condivide le sue idee su cosa potrebbe proporci la nuova ammiraglia di Sony.

La redazione britannica, come già fatto in passato per PS4 Pro e Xbox One X, ha ipotizzato cosa ci sarà sotto la scocca di PS5 e ha affermato che sul fronte CPU e GPU la scelta sarà quasi obbligatoria.

Digital Foundry, partendo da quanto comparso su Semiaccurate, dove si affermava che PS5 sarà una piattaforma basata su di una CPU Zen e una GPU Navi, ha ipotizzato che la console potrebbe adottare un processo produttivo a 7 nanometri e un totale di otto core, quindi offrirebbe qualcosa di molto simile a un Ryzen 7.

Sul fronte GPU, questa su PS5 dovrebbe essere in grado di raggiungere gli 11 TFLOPs di potenza e, in questo senso, sembrerebbe essere promettente la già citata architettura Navi, con la possibilità di arrivare a ottanta compute unit.

Passando alla RAM, la redazione britannica pensa che la scelta ricadrà sulla GDDR6, con l'obiettivo dei 18 o 24 GB, mentre l'adozione di uno storage SSD sembra essere praticamente obbligatoria.

Infine il periodo di lancio. Digital Foundry, fondamentalmente, si trova d'accordo con i recenti rumor, indicando il 2020 come l'anno di uscita. La motivazione risiede nei costi: ad oggi la componentistica per realizzare quanto detto avrebbe un costo piuttosto alto e, questo, andrebbe ad incidere sul prezzo finale di PS5 che non sarebbe competitivo.

Che ne pensate? Siete d'accordo con quanto detto da Digital Foundry?

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Altri articoli da Matteo Zibbo

Commenti (31)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza

Contenuti correlati o recenti

I Maya saranno al centro di Shadow of the Tomb Raider

Square Enix rivela le primissime informazioni sulla trama.

L'industria videoludica ha voltato le spalle alle microtransazioni? - articolo

Il pubblico ha forse vinto la propria battaglia contro i publisher?

Dopo 18 anni è il momento di dire addio: Albert Penello lascia Microsoft

Figura chiave sin dal lancio della primissima e storica Xbox.

le ultime

I Maya saranno al centro di Shadow of the Tomb Raider

Square Enix rivela le primissime informazioni sulla trama.

L'industria videoludica ha voltato le spalle alle microtransazioni? - articolo

Il pubblico ha forse vinto la propria battaglia contro i publisher?

Dopo 18 anni è il momento di dire addio: Albert Penello lascia Microsoft

Figura chiave sin dal lancio della primissima e storica Xbox.

Pubblicità