L'appuntamento da segnare sul calendario è sabato 10 novembre: Ubisoft in collaborazione con la Scuola di Arti Visive di IED Milano e CoderDojo Milano, movimento internazionale di volontariato impegnato nell'insegnamento della programmazione ai ragazzi, organizza una speciale lezione nei laboratori dell'istituto europeo di design. I bambini che parteciperanno si cimenteranno nell'utilizzo di scratch (linguaggio di programmazione open source per creare le proprie storie interattive, giochi e animazioni) e nell'ideazione di un vero e proprio videogioco ispirato all'ultima space opera creata dagli studi di sviluppo di Ubisoft Toronto, Starlink: Battle for Atlas. Un workshop interamente dedicato a replicare le innovative meccaniche di toys-to-life presenti nel videogioco del publisher francese, guidati dai mentor volontari di CoderDojo e affiancati dagli studenti del corso di Media Design IED Milano.

H2x1_NSwitch_StarlinkBattleForAtlas_image1600w

I ragazzi esploreranno tutte le "righe di codice" e le tecniche più interessanti per far sì che, come nel videogame Starlink, gli oggetti del mondo reale interagiscano con un videogioco. Durante il workshop verrà riprodotta la stessa identica esperienza: verranno realizzati dei livelli di gioco nei quali sarà poi possibile interagire, anche grazie alla realtà aumentata, con oggetti fisici a tutti gli effetti, ad esempio aggiungendo un'arma per sparare dalla propria astronave. Il tutto in perfetta linea con le attività di formazione dei Dojo, i club indipendenti sparsi in tutto il mondo che compongono il movimento CoderDojo e che puntano sul gioco e sul peer learning, ovvero lo scambio e l'apprendimento tra pari.

Starlink: Battle for Atlas è un'epica saga spaziale open world che utilizza la tecnologia dei modular toys, dei veri e propri giocattoli assemblabili ed estremamente curati, che consente ai giocatori di creare e personalizzare le proprie navicelle spaziali reali andando in giro per lo spazio grazie al videogame. Ogni componente e il pilota della navicella compaiono in tempo reale nel gioco, sullo schermo della TV. I modellini modulari e le meccaniche di combattimento dinamiche di Starlink: Battle for Atlas consentono ai giocatori di raggiungere gli obiettivi e affrontare ogni ostacolo o nemico in modi diversi, ma sempre guidati dall'immaginazione e dalla creatività.

"Programmare è più che scrivere codici, è capire come risolvere i problemi, usando la logica e la creatività! Programmare è promuovere la cultura digitale, diffondere gender equality e far emergere nuove opportunità di lavoro". È questa la filosofia di Giacomo Cusano, Presidente di CoderDojo Milano, il primo dojo italiano attivo dal 2013, che insieme a Ubisoft e IED ha lanciato l'iniziativa dedicata ai giovani milanesi. Il laboratorio si terrà nella sede IED di Via Sciesa, 4 (Milano) dalle h 14.30 alle h 17.30 di sabato 10 novembre. Per iscriversi bastano pochi click sul sito ufficiale dell'evento.

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Altri articoli da Matteo Zibbo

Commenti (0)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza

Contenuti correlati o recenti

Starlink: Battle for Atlas - recensione

Le navi spaziali di Ubisoft decollano, ma il carburante non è certo a buon mercato.

Il nuovo trailer di Starlink: Battle For Atlas si concentra su Fox McCloud e il suo equipaggio

Mentre vengono coinvolti nella battaglia in corso contro Grax e le sue armate.

Sony non sarà presente all'E3 2019

La compagnia non rimarrà però con le mani in mano.

N64 Classic Mini non rientra al momento nei piani di Nintendo

Lo conferma il presidente di Nintendo of America.

le ultime

Sony non sarà presente all'E3 2019

La compagnia non rimarrà però con le mani in mano.

N64 Classic Mini non rientra al momento nei piani di Nintendo

Lo conferma il presidente di Nintendo of America.

Secondo il CEO di GAME, l'early access incentiva la vendita delle edizioni speciali

La possibilità di giocare i titoli in anticipo attira molti utenti.

Pubblicità