Qualche giorno fa un utente di Twitter, Rob Trench, ha pubblicato una comparazione del poster pubblicitario di What Still Remains, film di Josh Mendoza uscito lo scorso agosto negli Stati Uniti e disponibile su Netflix, con la copertina di The Last of Us, evidenziando come diversi elementi della pellicola (scenografia, abbigliamento e posa dei personaggi) sono ripresi di peso dal concept del videogioco.

Il film, a dire il vero, non si discosta troppo, sul piano tematico, dalla narrativa del videogame. Trattasi, infatti, di un thriller post-apocalittico in cui a farla da padrone è un virus che infetta le persone, rendendole protagoniste di comportamenti violenti e bestiali. Ben Walker di Dualshockers ha fatto qualche ricerca riguardo al poster di What Still Remains, scoprendo che da qualche tempo la produzione aveva smesso di utilizzarlo a fini promozionali. La segnalazione di Trench, ripresa dalla community di Twitter, è tuttavia balzata all'occhio di Neil Druckmann (director di The Last of Us nonché vice presidente di Naughty Dog), che non ha mancato di far conoscere la propria opinione.

"Aspettate un momento... Sul serio?", ha scritto Druckmann ai propri follower, chiosando con un'emoji divertita e lasciando spazio all'inevitabile pioggia di meme e ilarità che si è sprigionata tra i commenti.

Il concept del poster di What Still Remains sembra essere ben poco originale, in effetti. Qual è il vostro parere al riguardo?

Riguardo l'autore

Ivan Bececco

Ivan Bececco

Redattore

Le sue passioni più grandi sono la letteratura e i videogiochi: si è costruito una casa al confine tra questi due mondi e giura che, prima o poi, riuscirà ad allevare un drago.

Altri articoli da Ivan Bececco