A seguito di un report secondo cui Electronic Arts aveva cancellato il gioco open-world di Star Wars in fase di sviluppo presso EA Vancouver, il publisher ha finalmente risposto con una dichiarazione. Sfortunatamente, non offre alcuna intuizione reale e non chiarisce totalmente la storia riportata da Kotaku.

"C'è stata una speculazione durante la notte su uno dei nostri progetti di Star Wars. Come parte naturale del processo creativo, il grande lavoro del nostro team a Vancouver continua e si evolverà nei futuri contenuti e giochi di Star Wars", ha detto la società in una dichiarazione condivisa con GameSpot. "Siamo pienamente impegnati a realizzare più giochi di Star Wars, siamo molto entusiasti di Star Wars: Jedi Fallen Order di Respawn, e condivideremo di più sui nostri nuovi progetti quando sarà il momento giusto".

Questo è lungi dal negare che sia stato cancellato il progetto, che si diceva fosse un gioco open-world "reboot" di quello che era stato in precedenza in sviluppo presso i defunti Visceral Games. Quando il team responsabile di Dead Space è stato chiuso, Vancouver ha assunto il controllo del progetto, che si è trasformato in qualcosa di completamente diverso, ma avrebbe utilizzato asset di Visceral. Il report di Kotaku afferma che Vancouver è ora al lavoro su un gioco di Star Wars su scala più piccola che può essere lanciato prima di quanto sarebbe stato possibile con il gioco open-world.

WCCFstarwarsragtag_740x429

Come sottolineato nella dichiarazione di EA, la compagnia ha Jedi Fallen Order in sviluppo presso Respawn, lo studio noto per la serie Titanfall. Si sa poco del gioco, che vede protagonista un giovane Jedi Padawan. Respawn ha più giochi da distribuire entro la fine del 2019, che potrebbero includere sia Jedi Fallen Order che Titanfall 3. Sta anche lavorando a un gioco VR non ancora annunciato.

Ciò che riserva il futuro per i giochi Star Wars di EA non è chiaro, ma la compagnia ha un accordo di licenza che gli conferisce i diritti esclusivi per creare giochi di Star Wars su console. Questo accordo durerà fino al 2023.

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Altri articoli da Matteo Zibbo