Nelle scorse ore sui forum più noti come Reddit, ResetEra e NeoGaf è comparso un presunto leak molto interessante perché ci permetterebbe di scoprire le specifiche tecniche del dev kit di Xbox Scarlett, la prossima generazione di Xbox.

Denominato Dante, il dev kit in questione dovrebbe essere legato a Xbox Anaconda ovvero alla console di prossima generazione classica che vi abbiamo già presentato in dettaglio. Ci troviamo alle prese con un semplice rumor che però ha anche portato a un'ipotesi sul possibile prezzo della console: $499.

Ecco le specifiche tecniche proposte dal leak:

  • CPU: Custom AMD Zen 2 8C/16T @ 3.2GHz
  • GPU: Custom AMD Navi @ 1475MHz
  • RAM: 48GB GDDR6 @ 672GB/s
  • STORAGE: SSD 4TB NVMe @ 3GB/s

Naturalmente va sottolineato che il dev kit di una console è generalmente più potente della versione che viene lanciata sul mercato e quindi è quasi scontato che se anche queste specifiche dovessero rivelarsi effettivamente affidabili non dovrebbero essere quelle che caratterizzeranno l'Xbox Scarlett che arriverà nella mani dei giocatori.

1

Tanto per darvi un'idea delle specifiche di Dante ecco quelle del dev kit di Xbox One X e di Xbox One X:

Dev Kit Project Scorpio

  • GPU: 44 unità computazionali (la versione finale di Project Scorpio ne ha 40)
  • RAM: 24 GB DDR5 (il doppio rispetto ai 12 GB della versione finale di Project Scorpio)
  • 1 TB SSD aggiuntivo (non presente nella versione finale di Project Scorpio)

Xbox One X

  • CPU: Otto core custom x86 a 2,3 GHz
  • GPU: 40 unità computazionali custom a 1172 MHz
  • RAM: 12 GB GDDR5 @ 326 GB/s
  • Hard Disk: 1 TB 2.5 pollici

Tenendo conto del fatto che si tratta esclusivamente di rumor cosa ne pensate? Un dev kit di questo tipo vi farebbe pensare a una Xbox di nuova generazione di assoluto rispetto?

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Altri articoli da Alessandro Baravalle