Al CES di Las Vegas saranno ammessi i "Sex Toys" ed è addio per le booth babes

Il Consumer Electronics Show aggiorna le proprie politiche.

La Consumer Technology Association, l'organizzazione dietro all'evento annuale che si tiene a Los Angeles ovvero il Consumer Electronics Show, si sta aggiornando con i tempi moderni. La CTA ha infatti annunciato che l'evento di quest'anno sarà aperto anche alle aziende tecnologiche che sviluppano i cosiddetti Sex Toys e che potranno competere per i premi nell'ambito della categoria Salute e Benessere.

Questo annuncio arriva dopo che la CTA l'anno scorso ha revocato il premio innovazione ad un Sex Toy sviluppato dall'azienda Lora DiCarlo. La società aveva progettato un dispositivo che utilizza la tecnologia per aiutare le donne a raggiungere l'orgasmo stimolando contemporaneamente il clitoride ed il punto G. A maggio l'associazione ha deciso di assegnare nuovamente il premio all'azienda.

"CTA si impegna ad evolversi creando un'esperienza al CES che sia inclusiva e accogliente per tutti", ha detto Karen Chupka in una nota. "Abbiamo lavorato con un numero di consulenti esterni e partner per aggiornare e migliorare le nostre politiche esistenti."

ces

Rimanendo sempre in tema, il CTA ha aggiornato anche le proprie politiche per quanto riguarda il dress code dello staff impiegato per promuovere i propri stand. Le nuove regole bandiscono gli outfit sessualmente rivelatori o che rivelino un eccesso di pelle nuda e che siano troppo attillati sui genitali". Questa regola sarà applicabile a tutte le persone indipendentemente dal loro sesso.

Fonte: Tech Crunch

Vai ai commenti (0)

Riguardo l'autore

Claudia Marchetto

Claudia Marchetto

Redattore

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

VideoI migliori giochi del 2019 secondo Metacritic

La classifica del noto aggregatore si contrappone alla selezione dei The Game Awards.

PS5 e Xbox Scarlett sono molto potenti, avrebbero specifiche hardware molto simili ma Sony sarebbe avanti nella comunicazione

Le parole di Jason Schreier, uno degli insider più affidabile del mondo videoludico.

Usare il PlayStation Network per vendere cocaina? Fatto!

L'FBI ha rintracciato uno spacciatore molto particolare.

Commenti (0)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza