Fortnite: Team Bumble è la prima squadra competitiva completamente al femminile

Il Battle Royale si tinge di rosa.

L'organizzazione eSport Gen.G ha stretto una partnership con l'app di incontri Bumble per creare Team Bumble, una squadra competitiva di Fortnite composta totalmente da ragazze.

La prima Coppa del Mondo di Fortnite si è tenuta due settimane fa, durante la quale quasi 180 giocatori professionisti hanno gareggiato per un premio in denaro di 3 milioni di dollari e il titolo di campione del mondo. Di questi giocatori, nessuno era di sesso femminile.

Giocatori come EwOk e Geguri indicano che il successo e l'abilità in una partita a livello professionale sono ugualmente raggiungibili per entrambi i sessi, ma gli eSport continuano a essere dominati in maniera schiacciante da uomini. Inoltre, molto spesso le giocatrici subiscono molestie ed insulti proprio per il loro genere, la loro voce e aspetto, ostacolando la loro inclusione nel mondo competitivo.

Nel creare la prima squadra tutta al femminile, Gen.G e Bumble hanno rafforzato l'affermazione che le donne hanno un posto nella comunità degli eSport in quanto concorrenti altamente qualificate e formidabili compagni di squadra. Il gruppo comprende Madison 'maddiesum' Mann, Carlee 'Carlee' Gress, Hannah 'Hannah' Reyes, Kristen 'KittyPlays' Valnicek e Tina 'Tinareas' Perez.

Rappresentazioni di questo tipo consentono alle ragazze di far parte di un ambiente sicuro e positivo in modo che possano esprimere il proprio entusiasmo per i videogiochi, condividere esperienze e costruire competenze. "Sono contenta di far parte di questa squadra e di rappresentare Gen.G. attraverso l'idea che anche noi ragazze possiamo puntare in alto nel mondo competitivo" ha dichiarato Gress.

Fonte: VideoGamer

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Con Shadowkeep Destiny 2 arriverà a pesare 165 GB?

L'imminente DLC potrebbe aumentare in modo considerevole le dimensioni del gioco

Call of Duty: Modern Warfare potrebbe includere una modalità Battle Royale

Le parole dell'art director Joel Emslie portano in questa direzione.

ArticoloCall of Duty: Modern Warfare - prova

Il re degli sparatutto è tornato.

Wolfenstein: Youngblood - recensione

Tale padre, tali figlie.

Commenti (0)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza