Microsoft ha un brevetto per creare IA e chatbot che imitano persone defunte

Un modo totalmente nuovo per ricordare i propri cari che non ci sono più.

Microsoft ha depositato un brevetto che consentirebbe all'azienda di far rivivere digitalmente i propri cari defunti come chatbot, utilizzando le informazioni personali di un determinato individuo.

The Independent riferisce che il gigante della tecnologia ha sollevato la possibilità di creare un chatbot basato sull'intelligenza artificiale che sarebbe costruito sul profilo di una persona, con le sue "immagini, dati vocali, post sui social media, messaggi elettronici", tra i tipi di informazione personale. Resta inteso che il chatbot sarebbe quindi in grado di simulare la conversazione umana tramite comandi vocali e / o chat di testo.

Tuttavia, Microsoft ha fatto un ulteriore passo avanti suggerendo che un modello 2D o 3D di una persona specifica potrebbe essere potenzialmente creato, utilizzando "immagini e informazioni di profondità o dati video" di un individuo al fine di costruire un chatbot con le stesse caratteristiche e comportamenti basati su una persona specifica.

history_of_the_microsoft_logo_1

"La persona specifica [che rappresenta il chatbot] può corrispondere a un'entità passata o presente, come un amico, un parente, un conoscente, una celebrità, un personaggio di fantasia, una figura storica, un personaggio casuale ecc.", spiega il brevetto. "La persona specifica può anche corrispondere a se stessa (ad esempio, l'utente che crea / addestra il chat bot)."

Che ne pensate?

Fonte: IGN.

Vai ai commenti (5)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (5)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza