I videogiochi "socialmente responsabili" sono preferiti dal 66% dei giocatori

L'ambiente e le comunitÓ emarginate contano.

Una ricerca di Accenture ha rivelato un dato decisamente rassicurante per la comunità dei videogiocatori, che viene spesso dipinta dai media tradizionali in modo unidimensionale e come poco attenta alle questioni etiche. Secondo quanto emerge da un loro sondaggio, il 66% dei giocatori ama i titoli sviluppati da aziende cosiddette responsabili, in particolare attente all'ambiente o all'inclusione.

Nello specifico, questo è il quesito che è stato proposto ai partecipanti, tutti giocatori per almeno 4 ore a settimana provenienti da Cina, Giappone, UK e USA.

"Sono più propenso a giocare a un videogioco se l'azienda che lo progetta è socialmente responsabile (ad esempio, è coinvolta in sforzi di sostenibilità ambientale, o è un sostenitore per le comunità emarginate)".

I restanti utenti hanno invece votato in questo modo: il 26% di loro era indifferente, mentre il restante 9% aveva un'opinione negativa.

Siete sorpresi da questi dati?

Fonte: Gamesindustry

Vai ai commenti (3)

Riguardo l'autore

Francesca Tremulo

Francesca Tremulo

Redattore

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Articolo | Evoluzione della morte e del game over nei videogiochi

Il fail state nei videogiochi: ecco alcune delle meccaniche pi¨ innovative.

Videogiochi, sessismo e razzismo: 'le molestie online contro donne, neri e asiatici continuano a crescere'

Un sondaggio rivela una preoccupante crescita di sessismo e razzismo nei videogiochi online.

God of War Ragnarok: Angrboda di colore? Spuntano lamentele ma Santa Monica Studios non ci sta

God of War Ragnarok non Ŕ ancora uscito e giÓ iniziano le polemiche sterili.

Commenti (3)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza