Apple ha violato le leggi sul monopolio. La denuncia di Spotify presa in esame dalla Commissione Europea

Dopo due anni, riemerge la denuncia all'antitrust.

Poche ore fa, la Commissione Europea ha condiviso il proprio parere preliminare nei confronti della causa legale contro Apple. Si tratta del primo passo per prendere in esame una denuncia avviata da Spotify anni fa nei confronto del colosso mobile americano.

Per chi non se lo ricordasse, due anni fa l'azienda Spotify sporse una denuncia all'antitrust dell'Unione Europea, incentrata sulla famigerata "Apple Tax" e sul controllo monopolistico di Apple. Oggi, la Commissione ha stabilito, in via preliminare, che Apple ha effettivamente violato le regolamentazioni sul monopolio.

La Commissione ha trovato diverse violazioni nelle pratiche commerciali di Apple, come l'obbligo di effettuare acquisti in-app esclusivamente tramite i canali della Mela, su Spotify, come su ogni altra applicazione di terze parti.

Ovviamente, tutte le microtransazioni che passano sui dispositivi iOS vengono tassati e il 30% viene trattenuto da Apple, mentre il restante 70% va nelle tasche degli sviluppatori. Questo avrebbe causato un aumento dei prezzi degli abbonamenti per i servizi di streaming musicali.

L'UE ritiene inoltre che Apple adotti delle misure restrittive che impediscono agli utenti di venire a conoscenza di sistemi di pagamento e opzioni d'acquisto alternative.

Apple ha contestato il tutto con una dichiarazione ufficiale, pubblicata su The Verge:

"Spotify è diventato il più grande servizio di abbonamento musicale al mondo e siamo orgogliosi del ruolo che abbiamo svolto in questo. Spotify non paga ad Apple alcuna commissione su oltre il 99% dei loro abbonati e paga solo una commissione del 15% su quegli abbonati rimanenti, che hanno ottenuto tramite l'App Store. Al centro di questo caso c'è la richiesta di Spotify, ovvero chiedere di pubblicizzare offerte alternative sulla loro app iOS, una pratica che nessun negozio al mondo consente. Ancora una volta, vogliono tutti i vantaggi dell'App Store, ma pensano di non dover pagare nulla per questo. L'argomento della Commissione a nome di Spotify è l'opposto di una concorrenza leale.".

_112922962_apple

La decisione della Commissione Europea è, al momento, solo un parere preliminare, quindi servirà parecchio tempo prima che si possa raggiungere un verdetto definitivo.

Nel caso la Corte deliberasse contro Apple, il colosso multimediale si vedrebbe costretta a pagare una multa salatissima, pari al 10% del suo fatturato annuale che, al momento, ammonterebbe a 27 miliardi di dollari.

Fonte: WCCFTech

Vai ai commenti (0)

Riguardo l'autore

Marcello Ruina

Marcello Ruina

Redattore

Contenuti correlati o recenti

PS5, Xbox Series X/S e GPU introvabili? Dal 2023 potrebbe esserci addirittura un eccesso

L'offerta di chip potrebbe superare di gran lunga la domanda.

Disney Classic Games Collection includerà anche la versione SNES di Aladdin

Disney Classic Games Collection è una raccolta dei titoli più iconici ispirati ai vari cartoni animati.

Street Fighter, Streets of Rage e non solo: è morto Mick McGinty, grande artista dietro a splendide copertine

Mick McGinty ha lavorato su alcune delle cover più famose degli anni '90.

NVIDIA e AMD: le GPU registrano un aumento di prezzo del 70%

La disponibilità delle GPU NVIDIA e AMD peggiora anche nel quarto trimestre.

Articoli correlati...

Articolo | Evoluzione della morte e del game over nei videogiochi

Il fail state nei videogiochi: ecco alcune delle meccaniche più innovative.

Videogiochi, sessismo e razzismo: 'le molestie online contro donne, neri e asiatici continuano a crescere'

Un sondaggio rivela una preoccupante crescita di sessismo e razzismo nei videogiochi online.

God of War Ragnarok: Angrboda di colore? Spuntano lamentele ma Santa Monica Studios non ci sta

God of War Ragnarok non è ancora uscito e già iniziano le polemiche sterili.

Commenti (0)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza