PlayStation pesanti critiche da diversi sviluppatori indie: 'lavorare con Sony č molto difficile'

Nintendo e Microsoft lontane dalla perfezione ma Sony...

Dopo recenti discussioni sul costo della visibilità su PlayStation Store, più sviluppatori e publisher indipendenti hanno espresso frustrazioni e rabbia simili e continuano ad accumularsi informazioni su quanto sia più difficile per gli indie lavorare con Sony, rispetto a Nintendo e Microsoft.

"Oh sì, quindi c'è Nintendo che ti supporta". [Poi] Microsoft che ti supporta e [poi] c'è Sony che supporta la propria macchina AAA e se ne frega di tutti gli altri", ha detto uno sviluppatore a Kotaku.

Come riportato da Bloomberg ad aprile, Sony mostra una cautela straordinaria anche con i propri giochi, con un'attenzione maniacale al successo dei blockbuster. Secondo l'articolo, la società giapponese si sta allontanando dallo sviluppo di giochi interni più piccoli, quindi sono concentrati solo sui giochi più grandi. Sembra che questa mancanza di interesse per i titoli più piccoli si estenda agli sviluppatori di terze parti che tentano di vendere i loro giochi sul sistema.

"Sony non capisce cosa significhi indie", afferma un publisher indipendente a Kotaku (rimasto anonimo). "Affatto. Per loro indie è qualcosa nel budget più basso del milione".

"Nessuna piattaforma è fantastica , ma Sony è particolarmente terribile", dice un altro publisher tramite Discord.

fea56e706e28473321e65bdf951d6aeb

Il problema non è semplicemente che Sony addebita un minimo di $25.000 per essere presente in una posizione visibile sul PlayStation Store: è che questo è, per la maggior parte dei giochi indie, l'unico modo per essere visibile. Senza pagare, gli sviluppatori riferiscono che i giochi si perdono completamente, il che, secondo molti, è in netto contrasto con Microsoft e Nintendo. Sebbene entrambi offrano modi per pagare la visibilità (anche se non ci sono ancora cifre esatte), sembra che le due compagnie offrano anche molte altre opzioni gratuite.

In risposta al thread originale di Iain Garner sul "pessimo" servizio per gli indie di PlayStation, alcuni altri sviluppatori indipendenti si sono fatti avanti per parlare e un tema emerso è stato il numero di vendite che vedono su PlayStation rispetto ad altre piattaforme.

Matthew Wright di WhiteThorn Games ha pubblicato un grafico che mostra la percentuale delle vendite su tutte le console, con Switch che rappresenta un buon 60%, Xbox circa il 30%, Steam circa il 7% e PlayStation il 3%.

Cristian Botea, dello sviluppatore e publisher indipendente These Awesome Guys, ha fatto lo stesso, mostrando un enorme 91,5% su Steam, il 7,6% su Switch, con lo 0,6% su Xbox e lo 0,3% su PlayStation.

I numeri sembrano riflettere quanto sia difficile trovare giochi su PlayStation se non sono fortemente presenti e mostrano quanto sia incredibilmente difficile essere presenti nelle vendite di PlayStation.

Alcuni sviluppatori sottolineano che su PlayStation bisogna necessariamente utilizzare la funzione di ricerca per trovare determinati titoli.

In un tweet ora cancellato, uno sviluppatore indipendente ha scritto: "sì, prova a trovare il mio gioco [su PlayStation] senza digitarlo...".

L'accesso alle vendite è l'altro grande aspetto dell'invettiva di Garner. Anche questo è stato confermato a Kotaku da sviluppatori e publisher. "Al giorno d'oggi puoi essere invitato solo alle promozioni. Non puoi più impostare sconti personalizzati, nessuna vendita publisher/sviluppatore. E questi inviti sono folli. Di solito propongono qualcosa intorno al 40-50 percento per impostazione predefinita e devi fare una controproposta. Ti dirai sempre: "Devo offrire loro il 30 percento o forse mi escluderanno".

9e45b76549a784805e3e465dac04c2d0

Nel frattempo, secondo quanto riferito, la comunicazione con Sony è straordinariamente difficile. Ragnar Tørnquist dello sviluppatore indipendente Red Thread Games ha twittato le sue frustrazioni. "siamo uno sviluppatore piuttosto affermato con una comprovata esperienza, ma onestamente non ho idea di chi contattare per realizzare le vendite sulla console. È come cercare di essere ascoltati nel vuoto dello spazio".

Certo, le cose non sono tutte rose e fiori sulle altre piattaforme, ma il messaggio centrale è che con Sony le cose sono significativamente peggiori per gli indie.

Fonte: Kotaku.

Vai ai commenti (23)

Giochi trattati in questo articolo

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella pių rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

The Long Dark: l'avventura survival 'sotto zero' sta per ricevere il quarto episodio

Una data di uscita per il quarto episodio di The Long Dark.

De-Exit ci farā indagare nell'aldilā nei panni di un curioso scheletro

Il nuovo platform puzzle De-Exit ci porta a essere uno Sherlock, ma da morti.

Cuphead: Fast Rolling Dice Game č il gioco da tavolo che stavate aspettando!

The Op! produrrā il nuovo card game dedicato a Cuphead.

The Artful Escape č la dimostrazione che i videogiochi sono arte per Phil Spencer di Xbox

I videogiochi sono arte? Alla vista di The Artful Escape, Phil Spencer ha detto sė.

Articoli correlati...

Sable - recensione

Un viaggio scritto nel destino tra Journey e Breath of the Wild.

Eastward - recensione

Amanti dei jRPG a 16-bit e del cyberpunk? Accorrete!

Articolo | I 20 migliori videogiochi indipendenti

Venti opere indie capaci di scardinare i preconcetti e competere con i grandi dell'industria.

Commenti (23)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza