Xbox e TikTok? Il social è una grande fonte d'ispirazione per Phil Spencer

Più strumenti e potere ai creativi.

Durante una recente intervista con GamesRadar+, il capo di Xbox, Phil Spencer, ha illustrato la propria visione sul futuro dei contenuti generati dagli utenti e come la nota piattaforma social TikTok potrebbe fornire l'ispirazione giusta per gestirli al meglio.

Ecco quanto dichiarato dal dirigente:

"TikTok riguarda la ricerca di ciò che qualcun altro ha fatto, che si tratti di una traccia musicale o di un meme divertente, poi le persone lo remixano con i propri contenuti e diventa questa cosa che si autoalimenta. Penso che dovremmo vederlo anche nei videogiochi. Penso che dovremmo cercare di esplorare quegli strumenti e anche mantenerne il valore uguale per tutti nella catena creativa. Vogliamo che i creatori siano in grado di monetizzare ciò che costruiscono e ne vedano il valore. E non credo che ci dovrebbe essere un solo genere a cui legarlo.".

Non sono tanti i contenuti videoludici monetizzati, specialmente su console: su PC esistono titoli multiplayer con mappe e mod create da utenti, ma non sempre questi possono essere monetizzabili, specialmente se gli sviluppatori originali sono poco inclini a concederne l'autorizzazione.

Giochi come Minecraft e Fortnite dispongono di modalità creative che permettono ai giocatori di realizzare quello che desiderano, ma monetizzarli non è una pratica diffusa.

Se Xbox deciderà di aprirsi a questa novità, almeno sui propri titoli first-party, ciò potrebbe diventare il punto di partenza di qualcosa di importante.

Sappiamo, ad esempio, che Forza Horizon 5, il prossimo titolo della serie, avrà una modalità Event Lab che permetterà ai giocatori di creare le proprie corse multiplayer, con sfide, regole e modalità, tutte generate dall'utente.

Che il titolo racing possa diventare un campo di prova per testare i contenuti monetizzabili di Xbox?

Fonte: GamesRadar

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Articolo | Evoluzione della morte e del game over nei videogiochi

Il fail state nei videogiochi: ecco alcune delle meccaniche più innovative.

Videogiochi, sessismo e razzismo: 'le molestie online contro donne, neri e asiatici continuano a crescere'

Un sondaggio rivela una preoccupante crescita di sessismo e razzismo nei videogiochi online.

God of War Ragnarok: Angrboda di colore? Spuntano lamentele ma Santa Monica Studios non ci sta

God of War Ragnarok non è ancora uscito e già iniziano le polemiche sterili.

Commenti (7)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza