Halo: Combat Evolved era stato pensato originariamente come un gioco open world

Lo rivela Marcus Lehto, art director del primo Halo. 

Halo Infinite è finalmente disponibile ed è il primo gioco open world su larga scala della lunga serie FPS.

Ma si scopre che Halo è stato originariamente concepito come un ambiente open-world. I suoi sviluppatori, tuttavia, hanno dovuto ridurre le cose per l'hardware disponibile 20 anni fa.

Marcus Lehto è stato l'art director di Halo: Combat Evolved durante il suo sviluppo presso Bungie alla fine degli anni '90, e in un recente scambio su Twitter, ha affermato che Halo: Infinite - sviluppato da 343 Industries - "riporta la magia di Halo".

Un fan ha chiesto a Lehto se desiderava che Halo: Combat Evolved potesse avere una struttura più aperta. Lehto ha affermato che i piani originali per Halo erano di renderlo un gioco open world. "Durante la creazione della prima demo, l'intento era quello di renderlo open world", ha spiegato. "Il più vicino che abbiamo avuto è stato The Silent Cartographer."

Il quarto livello della campagna di Halo: Combat Evolved, The Silent Cartographer, è stato molto apprezzato quando ha debuttato nel 2001. In esso, Master Chief e un gruppo di marine UNSC atterrano su una piccola isola per cercare di trovare una stanza nascosta in una struttura della mappa.

Nel livello viene data un'enorme quantità di spazio per muoversi, attraverso spiagge e colline, e ha fatto risaltare Halo tra i vari giochi FPS che generalmente presentavano corridoi stretti e combattimenti nelle arene.

Fonte: PCGamesN.

Vai ai commenti (0)

Giochi trattati in questo articolo

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Call of Duty: Warzone ha ancora molti cheater che ora deridono il sistema anti-cheat Ricochet

Ricochet ha diminuito il numero di cheater, ma ci sono ancora giocatori scorretti.

Halo Infinite dice addio al Lead Narrative Designer che lascia 343 Industries

Una nuova opportunità per il Lead Narrative Designer di Halo Infinite.

Da Halo Infinite a Riot Games: Aaron Linde si unisce alla società di League of Legends e Valorant

L'ex lead narrative designer di Halo Infinite farà parte del settore ricerca e sviluppo di Riot Games.

Articoli correlati...

Battlefield 2042 lancio da incubo, è nella Top 10 dei giochi peggio recensiti su Steam

Le aspettative erano alte, il punteggio di Battlefield 2042 su Steam... non molto.

Provato | Halo Infinite - Un assaggio del ritorno di Master Chief

Vi diciamo le nostre prime sensazioni sulla campagna.

'Call of Duty: Warzone è un gioco per bambini di 11 anni'

COD: Warzone non piace più a Dr. Disrespect.

Commenti (0)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza