L'Intelligenza Artificiale in futuro 'potrebbe hackerare il cervello umano'

Il professore Yuval Noah Harari spiega fin dove l'Intelligenza Artificiale potrebbe arrivare.

I dati umani provenienti da tutto il mondo, alimentati dal crescente potere e portata dell'intelligenza artificiale, potrebbero un giorno finire nelle mani di poche persone potenti: un futuro distopico popolato da "umani hackerati", secondo Yuval Noah Harari. L'autore di bestseller globale come Sapiens dice alla CBS che le nazioni devono iniziare a cooperare per impedirlo regolando l'intelligenza artificiale e la raccolta di dati in tutte le nazioni.

"Il mondo è sempre più diviso in sfere di raccolta dati. Durante la Guerra Fredda c'era la cortina di ferro. Ora abbiamo la cortina di silicio, il mondo è sempre più diviso tra Stati Uniti e Cina", ha detto Yuval Harari alla CBS. "I tuoi dati vanno in California o vanno a Shenzhen, Shanghai e Pechino?"

Yuval Harari, professore di storia all'Università di Gerusalemme, ha pubblicato il suo primo libro, "Sapiens", nel 2014; è stato un bestseller mondiale. Da allora ha pubblicato altri due libri con temi futuristici, "Homo Deus. Breve Storia del Futuro" e "21 lezioni per il 21° secolo".

Nella sua intervista con la BBC, avverte di un futuro non così lontano segnato da incredibili cambiamenti, affermando che l'intelligenza artificiale al lavoro oggi grazie agli algoritmi rafforzerà solo la sua presa sugli umani. "Netflix ci dice cosa guardare e Amazon ci dice cosa comprare. In definitiva, tra 10, 20 o 30 anni, questi algoritmi potrebbero anche dirti cosa studiare all'università e dove lavorare, chi sposare e persino chi votare", afferma.

ia

L'autore sottolinea che la pandemia ha aperto le porte a una raccolta ancora più invadente dei nostri dati. "Sono dati su cosa sta succedendo nel mio corpo. Quello che abbiamo visto finora sono aziende e governi che raccolgono dati sui luoghi in cui andiamo, le persone che incontriamo, i film che guardiamo. Il prossimo passo sarà la sorveglianza sotto la nostra pelle", avverte.

"Certamente ora siamo al punto in cui abbiamo bisogno di una cooperazione globale. Non si può regolamentare la potenza esplosiva dell'intelligenza artificiale a livello nazionale", afferma, spiegando cosa fare secondo lui. "Una regola fondamentale è che se ottieni i miei dati, quei dati dovrebbero essere usati per aiutarmi, non per manipolarmi. Un'altra regola fondamentale è che ogni volta che aumenti la sorveglianza degli individui, devi contemporaneamente aumentare la sorveglianza delle aziende, dei governi e delle persone al vertice. E il terzo principio è questo: non permettere mai che tutti i dati siano concentrati in un unico posto. Questa è la ricetta per una dittatura".

Fonte: Interesting Engineering

Vai ai commenti (4)

Riguardo l'autore

Claudia Marchetto

Claudia Marchetto

Redattore

Contenuti correlati o recenti

PlayStation ha già pronto un 'suo' Xbox Game Pass: il report di Jason Schreier

Sony sta cominciando ad affrontare il competitor con un modello molto simile al Game Pass.

PlayStation Game Pass? 'Non aspettatevi le grandi esclusive Sony al day one come su Xbox'

Jason Schreier ci tiene a fare chiarezza sul 'Game Pass' di Sony.

'PlayStation Game Pass sarà anche su PC'

Il "Game Pass" di PlayStation sarà su PC per una insider sempre più credibile.

Activision avrebbe licenziato degli sviluppatori di Call of Duty Warzone dopo aver promesso un aumento

Il Controllo Qualità di Call of Duty Warzone è reso una 'zona di guerra' da Activision.

Articoli correlati...

Commenti (4)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza