Riot Games e la causa contro il sessismo: trovato l'accordo per $100 milioni

Riot Games risolve la causa iniziata nel 2018.

Riot Games, publisher di League of Legends, ha finalmente raggiunto un accordo per la class action contro la discriminazione di genere del 2018. La causa è stata intentata da due ex dipendenti di Riot, Melanie McCracken e Jess Negrón. Entrambi hanno accusato la compagnia di discriminazione di genere e molestie sessuali.

Il Washington Post ora riporta che Riot Games ha risolto la causa per discriminazione di genere con le agenzie statali e gli ex dipendenti. La società pagherà $80 milioni ai membri della class action, con qualsiasi dipendente o appaltatore identificato come donna qualificato per il pagamento. Tuttavia, questi dipendenti avrebbero dovuto aver lavorato presso l'azienda dal 2014 ad oggi.

Circa 2.300 dipendenti hanno diritto all'accordo di $80 milioni, mentre $ 20 milioni separati andranno a spese legali dei querelanti. Ciò aumenterà l'importo totale che Riot dovrà pagare per la causa a $100 milioni. Riot sarà monitorato da un individuo di terze parti, che supervisionerà i reclami delle risorse umane nell'azienda e il modo in cui vengono gestiti.

Is_Valorant_Down_How_to_check_Valorants_server_status

L'individuo deve essere approvato da Riot e dal California Department of Fair Employment and Housing (DFEH). L'obiettivo è quello di migliorare le pratiche dell'azienda. Il DFEH aveva già bloccato un accordo di $10 milioni nel 2019, sostenendo che le vittime avrebbero dovuto avere diritto fino a $400 milioni.

Fonte: Gamepur.

Vai ai commenti (0)

Giochi trattati in questo articolo

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Bobby Kotick vuole $375 milioni di buonuscita da Microsoft

A quanto pare Kotick intascherà una cifra enorme dopo l'accordo tra Xbox e Activision.

PlayStation, Xbox, Embracer, Take-Two ed EA in una infografica tra software house e publisher mastodontici

Uno sguardo più da vicino a Sony, Microsoft e ai publisher più grossi.

Nvidia rinuncia ad ARM? L'acquisizione da $40 miliardi sembra sempre più impossibile

Né Nvidia né Softbank si aspettano che l'acquisto di ARM vada avanti.

Articoli correlati...

'PlayStation e Xbox non sono mai state competitor. C'è spazio per un'alleanza'

Una collaborazione tra PlayStation e Xbox? Parla Randy Pitchford di Gearbox.

Apple avrebbe reclutato ingegneri Xbox per sviluppare una console

L'indiscrezione su Apple arriva da Jez Corden.

Articolo | Microsoft compra Activision Blizzard e pone fine alla console war

Il colpo di coda di Bobby Kotick sconvolge il mercato del gaming.

Commenti (0)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza