Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Blizzard contro le molestie in WoW

Polizia virtuale al lavoro sui server di WoW.

Blizzard ha chiarito pubblicamente la propria politica riguardante le molestie a sfondo sessuale in World of Warcraft e ha affermato di monitorare attentamente la situazione in particolare nei server e nelle aree più "calde".

Una di queste è la taverna di Goldshire; sul server statunitense Moon Guard l'area è stata segnalata più vote all'attenzione di Blizzard, e recentemente un genitore si è lamentato sul forum della compagnia, affermando di aver dovuto cancellare l'account del figlio dopo aver assistito a una chat poco edificante.

Un portavoce Blizzard ha risposto che gli operatori monitorano continuamente le chat pubbliche ma non quelle private. Considerato il numero di giocatori e di server da controllare, prosegue il portavoce della compagnia, è difficile tenere sempre tutto sotto controllo.

"Sentiamo lamentele in continuazione su determinate località, e Moon Guard è fra queste". "I membri del nostro servizio assistenza clienti monitoreranno regolarmente Goldshire su Moon Guard e prenderanno provvedimenti appropriati in caso di infrazione della nostra politica sulle molestie."

Taggato come
A proposito dell'autore

Nicola Congia

Contributor

Commenti