Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Apple e 'BatteryGate': verrà pagata una multa di $113 milioni per aver deliberatamente rallentato gli iPhone

L'accordo per chiudere la causa lanciata da 34 stati USA.

Apple ha accettato di pagare milioni di dollari a 34 stati per la sua controversa pratica di rallentare deliberatamente i vecchi iPhone per prolungarne la durata della batteria.

La società pagherà $ 113 milioni per risolvere un'indagine su come Apple non fosse trasparente sui problemi della batteria del suo iPhone che hanno portato a spegnimenti imprevisti del dispositivo.

Invece di rivelare il problema ai consumatori o sostituire le batterie, nel dicembre 2016 Apple ha lanciato un aggiornamento software che ha avuto un impatto sulle prestazioni dei vecchi modelli di iPhone.

La notizia della pratica ha sconvolto i consumatori Apple, innescando quello che alcuni hanno chiamato "BatteryGate". Molti credevano che la società volesse incoraggiare gli utenti ad acquistare nuovi iPhone.

"Le grandi aziende tecnologiche devono smetterla di manipolare i consumatori e dire loro tutta la verità sulle loro pratiche e prodotti", ha detto il procuratore generale dell'Arizona Mark Brnovich, che ha contribuito a condurre le indagini. "Ritengo responsabili queste gigantesche società tecnologiche quando nascondono informazioni importanti agli utenti".

In precedenza, la società ha temporaneamente abbassato il prezzo delle batterie sostitutive da $ 79 a $ 29 e ha aggiunto una funzionalità per consentire agli utenti iPhone di monitorare lo stato della batteria.

"Sappiamo che alcuni di voi ritengono che Apple vi abbia deluso. Ci scusiamo", ha detto la società in una dichiarazione del 2017. "Innanzitutto, non abbiamo mai, e non faremo mai, nulla per accorciare intenzionalmente la durata di un prodotto Apple o per rovinare l'esperienza dell'utente per favorire gli upgrade dei clienti".

Nonostante il mea culpa, a marzo, Apple ha accettato di pagare fino a mezzo miliardo di dollari per risolvere una causa legale che accusava la società di rallentare gli iPhone per costringere gli utenti ad acquistarne di nuovi.

Oltre al pagamento della multa, Apple ha accettato di fornire aggiornamenti sulla salute della batteria dell'iPhone, sulle prestazioni e sulla gestione dell'alimentazione sul proprio sito Web o sulle note di installazione.

Che ne pensate?

Fonte: CNN.

Taggato come
A proposito dell'autore
Avatar di Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Contributor

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Commenti