Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Addio Runic Games: lo studio di Torchlight e Hob chiude purtroppo i battenti

Pesanti licenziamenti per il team dietro a Gigantic.

Ci troviamo di fronte a due notizie piuttosto negative legate a Perfect World, un publisher cinese che si concentra soprattutto su titoli free-to-play e che ha evidentemente deciso di tagliare dei "rami morti". E purtroppo non possiamo che esserne molto rammaricati.

Partiamo dalla prima notizia, quella in realtà leggermente meno grave. Il team di Motiga ha subito dei licenziamenti piuttosto pesanti e solo un piccolo gruppo è ancora attivo per gestire Gigantic e i suoi giocatori. Per chi non lo conoscesse, Gigantic è una sorta di hero shooter free-to-play che nella nostra recensione abbiamo apprezzato non poco.

La notizia decisamente più negativa e riportata da Kotaku riguarda però Runic Games. La software house ha, infatti, chiuso definitivamente i battenti lasciando davvero perplessi parecchi fan del loro lavoro. Non conoscete Runic Games? Si tratta di un team di ottimi talenti che nel corso degli anni ci ha regalato Torchlight, il suo sequel e l'ottimo Hob recentemente recensito su queste pagine. La decisione di procedere alla chiusura lascia perplessi perché lo studio aveva sfornato dei giochi eccelsi riuscendo a proporsi come una valida alternativa a un mostro sacro come Diablo grazie agli ottimi Torchlight e Torchlight 2.

Il boss di Runic, Marsh Lefler, ha annunciato la brutta notizia ai tanti fan sottolineando che coloro che amano la serie di Torchlight avranno presto delle novità.

"Ciao a tutti, sono passati più di nove anni da quando uno sgangherato team di 17 sviluppatori ha contribuito all'apertura di Runic Games. Siamo stati molto fortunati ad aver avuto una community che ci ha supportati e ci ha resi una software house di successo. Grazie a quel supporto abbiamo avuto la possibilità di conoscere e lavorare con le persone migliori del mondo. Il nostro team ha pubblicato tre giochi di successo e nel corso degli anni ci sono stati molti cambiamenti. Dei membri del team si sono sposati, bambini sono nati, ma cosa ancora più importante siamo diventati una famiglia.

"Mi spiace annunciare che questo sarà l'ultimo giorno in cui Runic sarà ancora attivo. Il nostro focus ora è concentrarci sulla nostra famiglia e aiutare tutti a trovare un nuovo luogo da chiamare casa. Per coloro che hanno amato la serie di Torchlight ci saranno delle notizie in futuro e per tutti i nostri fan i nostri servizi legati alla community e al multiplayer continueranno a essere attivi. È stata un'esperienza fantastica. So che io e la mia famiglia di Runic non rimarremo molto lontani e sicuramente mi mancherà vedervi ogni giorno. Questa non è l'ultima volta che sentirete parlare di noi".

I motivi per la decisione di Perfect World rimangono ignoti. Considerando che il publisher cinese si concentra soprattutto su giochi multiplayer e free-to-play, questo potrebbe essere un nuovo caso nell'ormai attuale "scontro" tra giochi prettamente single-player e giochi service based. Evidentemente il grande talento di Runic Games non è sufficiente e un gioco di ottima qualità come Hob non basta per assicurare la sopravvivenza di un team.

Cosa pensate della chiusura di Runic Games e dei licenziamenti riguardanti Motiga?

A proposito dell'autore
Avatar di Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Contributor

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Commenti