Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Warcraft il film doveva essere una trilogia e il regista svela parte della trama

Alla scoperta di ciò che forse non sarà mai.

Il film di Warcraft in realtà era stato pensato per una trilogia, ma la scarsa performance al botteghino ha bocciato il progetto. Il film in CGI del 2016 basato sull'universo fantasy di Blizzard ruotava attorno agli orchi, che arrivano nel mondo di Azeroth.

Warcraft ha finito per incassare 439 milioni di dollari in tutto il mondo, ma è riuscito a generare solo 47,4 milioni di dollari negli Stati Uniti; ciò ha spento ogni speranza per un sequel. Tuttavia il regista Duncan Jones ha parlato un po' della trama degli ipotetici Warcraft 2 e 3.

Attenzione Spoiler!

Warcraft termina con il portale di Draenor chiuso, Durotan, nobile capo degli orchi del Clan Lupi Bianchi e il padre di Go'el, morto per mano dello stregone degli orchi malvagi Gul'dan, e Anduin Lothar, comandante dell'esercito umano, come leader dell'Alleanza. Un cestino contenente il piccolo Go'el - alias Thrall della leggenda di Warcraft - viene trovato da un essere umano. La seconda parte, rivela Jones, "vedeva Go'el / Thrall come giovane schiavo orco nel campo dei gladiatori di Blackmoore. Qui incontra e fa amicizia con un Tauren che gli racconta di un'altra terra a ovest da dove proviene il suo popolo e da dove potrebbe trovare alleati e forse una nuova casa..."

La terza parte invece avrebbe visto la liberazione degli orchi intorno al regno orientale prima che l'esercito dell'Orda viaggiasse attraverso il mare fino a Kalimdor per fondare la città di Orgrimmar. "Fondamentalmente la trilogia è stata l'adempimento della promessa di Durotan di dare al suo popolo una nuova casa", ha detto Jones.

Ma prima o poi il film vedrà un sequel? Duncan Jones dichiara: "Non ne ho idea e nessuno con cui ho lavorato al film lavora a Blizzard".

Fonte: Eurogamer.net

Sign in and unlock a world of features

Get access to commenting, newsletters, and more!

In this article
Related topics
A proposito dell'autore
Commenti