Eurogamer.it

The Legend of Zelda: Breath of the Wild - Colosso Sacro Vah Ruta e Ira dell'acqua di Ganon

Come risolvere il dungeon e sconfiggere il boss.

Tra gli elementi cardine dell'intero franchise e ovviamente anche di The Legend of Zelda: Breath of the Wild non possiamo non citare i dungeon.

In questo particolare capitolo della saga particolari contenuti sono indubbiamente strutturati in maniera profondamente diversa dato che sono presenti parecchie zone più contenute, dei dungeon più basilari e veloci da completare: i Sacrari. A queste zone in larga parte opzionali si affiancano delle aree che mettono il giocatore di fronte a puzzle e ostacoli più complicati da superare.

In questa particolare sezione della guida ci occupiamo di una di queste zone e di uno dei quattro colossi: il Colosso Sacro Vah Ruta e Ira dell'acqua di Ganon, il boss legato a questa zona.

Altri contenuti della guida di The Legend of Zelda: Breath of the Wild:

Il Villaggio degli Zora e il ponte Inogo

Il primo passo per riuscire a raggiungere il Colosso Sacro Vah Ruta è legato al Villaggio di Zora che si trova nella regione Lanaryu e che può essere raggiunto attraversando il villaggio Kakariko, proseguendo verso ovest. A nord ci saranno delle paludi che dovranno essere superate e in particolare il vostro obiettivo è quello di dirigervi a nord della torre.

A questo punto arrampicatevi sulla Torre Lanayru per poter scoprire il sentiero che porta al villaggio. Arrivati alla torre fate attenzione a dei nemici che potrebbero uccidervi con un singolo colpo. Una volta superati sarà il momento di una arrampicata pressoché senza alcun intoppo. L'obiettivo a questo punto è quello di raggiungere il pone Inogo che si trova a nord est della torre e parlare con il principe Sidon che vi indicherà la via verso est.

Proseguendo verso est incontrerete ancora una volta il principe. in questo caso fate attenzione alla frana di un grosso masso. Proseguendo e aggirando gli ostacoli presenti sul sentiero si arriverà a una zona con diversi nemici che con i loro attacchi elettrici potrebbero uccidervi con un solo colpo. In questo caso potrebbe essere una saggia idea quella di utilizzare gli elixir di resistenza ottenuti dal principe Sidon.

Arrivati al ponte Oren parlerete ancora una volta con il principe. Dovrete poi salire sulla collina evitando diversi ostacoli tra cui massi giganteschi e diversi Lizalfo. Sarà poi il momento di un ponte ancora più vasto e di un altra chiacchierata con Sidon e di un attacco da parte di un Moblin. La soluzione migliore è quella di fuggire e puntare verso il successivo ponte che può essere raggiunto planando dai lati del promontorio che stiamo esplorando in quel particolare momento. Arrivati al ponte e una volta superatolo partirà una cutscene.

Completare la quest sarà molto semplice ma vi consigliamo di dare un'occhiata al Sacrario Ne'ex Yohma e ai vari npc della zona. Una volta che sarete pronti andate vero il trono del re e parlate con Re Dorephan per ottenere l'armatura Zora, aumentare la velocità di nuotata ma soprattutto la capacità di salire verso l'alto in prossimità delle cascate.

Come ottenere le 20 Frecce Elettriche necessarie

A questo punto è tempo di dedicarsi a una deviazione che vi metterà di fronte a uno dei nemici più pericolosi dell'intero gioco: i Lynel. A questi nemici sono legate le frecce elettriche che vi serviranno per il Colosso Sacro Vah Ruta. Vi verrà infatti spiegato che avrete bisogno di 20 frecce elettriche e per ottenerle può essere una buona idea dirigersi verso la montagna Ploymus e un covo di Lynel in quella zona.

L'area di vostro interesse si trova ad est, alla stessa altezza della statua di Mipha. Dirigetevi verso la cascata indossando l'armatura Zora ottenuta in precedenza e potrete sostanzialmente dirigervi in cima alla cascata grazie all'abilità garantita da questo particolare equipaggiamento. Proseguite verso la cima della collina seguendo gli alberi e raccogliendo le frecce che trovate sulla strada. A questo punto preparatevi a uno scontro tutt'altro che semplice.

1

Il Lynel è un miniboss in grado di dare non poco filo da torcere, soprattutto se il vostro livello non è particolarmente elevato. Ma qual è il modo migliore per affrontare al meglio il Lynel? Uno scontro dalla distanza non è una soluzione assolutamente percorribile e per questo vale la pena cercare un combattimento ravvicinato. Il Lynel può uccidervi con appena un colpo ma "fortunatamente" ogni attacco potrà essere parato o schivato. Quando il Lynel si troverà su quattro zampe fate attenzione perché starà per caricare.

Allo stesso tempo, tuttavia, non è necessario affrontare questo miniboss per raccogliere le frecce di cui avete bisogno. Il nostro consiglio è in realtà quello di evitare completamente lo scontro. Non appena lo vedrete accucciatevi e muovetevi intorno alla montagna per raccogliere le frecce elettriche da alberi e rocce. Tenete sempre d'occhio la posizione del nemico e continuate con questo metodo leggermente "codardo" ma assolutamente efficace. Così facendo dovreste riuscire a raccogliere le 20 frecce indicate senza particolari problemi.

In realtà sono sufficienti quattro frecce nel caso in cui nessuna vada sprecata ma approcciarsi al Colosso con poche frecce è indubbiamente rischioso.

Come accedere al Colosso Sacro Vah Ruta e completare il dungeon

Tempo di approcciarsi al Colosso e di scovare e utilizzare i cinque terminali presenti al suo interno. Dopo aver ottenuto le frecce elettriche dirigetevi a ovest della Montagna Ploymus e a sud est del Villaggio Zora per trovare il Principe Sidon al molo nord. A questo punto dovrete semplicemente preoccuparvi della vostra mira con l'arco in uno scontro in cui dovrete colpire i proiettili e le spalle del colosso con le vostre frecce.

Dopo aver distrutto una fila di proiettili Sidon si dirigerà verso una cascata. Interagite quando indicato per salire verso l'alto e passate alle frecce elettriche mentre planate e mirate agli orbi luccicanti presenti sulle spalle del Colosso. Un vola atterrati Sidon sarà pronto a recuperarvi per ripetere il ciclo. Proseguendo la battaglia si farà più complicata a causa delle presenza di un maggior numero di proiettili ma una volta terminata comparirà una piattaforma per il viaggio veloce.

A questo punto è possibile entrare nel dungeon e dedicarsi ai cinque terminali che una volta attivati permetteranno di utilizzare l'unità di controllo principale che si trova sulla destra non appena entrati. Praticamente ogni terminale richiede l'utilizzo di almeno una Runa.

Ecco il video che vi mostra come procedere:

Fan di The Legend of Zelda: Breath of the Wild?

The Legend of Zelda: Breath of the Wild - Limited Edition

The Legend of Zelda: Breath of the Wild - Amiibo Link a Cavallo

The Legend of Zelda: Breath of the Wild - Amiibo Link Arciere

The Legend of Zelda: Breath of the Wild - Amiibo Zelda

The Legend of Zelda: Breath of the Wild - Amiibo Guardiano

The Legend of Zelda: Breath of the Wild - Amiibo Bokoblin

Come sconfiggere il boss l'Ira dell'acqua di Ganon

Dopo aver attivato i cinque terminali ed esservi diretti all'unità di controllo principale dovrete prepararvi alla boss fight di questo dungeon. Potete tranquillamente dare un'occhiata al video qui di seguito o affidarvi ai nostri consigli poco sotto.

Prima di iniziare la battaglia è consigliabile preparare qualche ricetta in grado di migliorare sia la salute che l'attacco. Preparate, inoltre, un arco, una spada e uno scudo che apprezzate particolarmente e che infliggono una buona quantità di danni (la Spada del Guardiano è una buona soluzione). Riposate anche per ottenere qualche cuore temporaneo aggiuntivo.

Prima fase:

Nella prima fase Ganon si posiziona verso la fine della stanza e utilizza una lunga lancia per i suoi attacchi ad area e non:

  • Un attacco mid range in cui alza il braccio destro e attacca con il sinistro. Bloccate e spostatevi il più velocemente possibile
  • Quando la lancia viene sollevata e accompagnata al terreno con forza c'è una sorta di onda d'urto. Allontanatevi con lo scudo alzato per evitare danni
  • Una spazzata con un raggio particolarmente ampio. Prevederne l'arrivo non è particolarmente complicato quindi indietreggiate velocemente o sfruttate un buon scudo
  • Il boss potrebbe anche scagliare la lancia verso di voi. L'attacco è facilmente prevedibile ma questa volta non indietreggiate ma schivate di lato

Il consiglio che possiamo darvi è quello di essere conservativi rimanendo quasi sempre in guardia con il vostro scudo senza esagerare con gli attacchi. Utilizzare l'arco dalla distanza rimane anche una buona idea dato che mirando all'occhio del boss si causeranno dei danni critici. Allo stesso tempo, tuttavia, non abusate di questi attacchi dato che rimarrete in balia della controffensiva del boss.

Seconda fase:

La seconda fase è teoricamente più semplice. La stanza si riempie di acqua e quattro piattaforme appaiono negli angoli. Il boss rimarrà aggrappato al soffitto lanciandovi dei proiettili di ghiaccio. Distruggeteli con una freccia e poi mirate alla testa di Ganon così da farlo cadere. Nuotate verso di lui, attaccatelo il più possibile e ripetete il procedimento fino a quando avrete avuto la meglio.

Commenti (11)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!