BioShock Infinite avrebbe potuto essere ambientato nel Rinascimento

L'uscita di Assassin's Creed 2 ha poi fatto cambiare idea agli sviluppatori.

BioShock Infinite era inizialmente ambientato durante il Rinascimento, un'idea che Irrational Games ha poi scartato dopo l'uscita di Assassin's Creed 2.

A rivelarlo a Polygon è stato Bill Gardner di Irrational Games, che in veste di Lead Designer aveva caldeggiato fortemente quel tipo di ambientazione.

"Spingevo molto per ambientare il gioco nel Rinascimento, ma di lì a poco fu annunciato Assassin's Creed 2 e la mia reazione fu 'Ok, ci hanno preceduto'", ha rivelato Gardner, accennando a una quantità enorme di contenuti tagliati a causa del cambio di ambientazione.

"Abbiamo tagliato abbastanza contenuti per realizzare cinque o sei giochi completi, e la cosa fu allarmante. Fa male dover tagliare cose del genere, ma bisogna guardare al prodotto finito".

Vai ai commenti (5)

Riguardo l'autore

Emiliano Baglioni

Emiliano Baglioni

Redattore

Emiliano si affaccia al mondo dei videogiochi all’epoca del Vic 20. Vive la sua storia di giocatore pensando che prima o poi crescerà e mollerà il joypad, ma non abbandona mai la sua passione, che riesce in qualche modo misterioso a conciliare con tutto il resto.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (5)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza