Fumito Ueda torna a scusarsi per il ritardo di The Last Guardian

"Il mio contributo creativo è terminato molto tempo fa".

Fumito Ueda, intervistato da Edge, ha ribadito le sue scuse per il grande ritardo che grava sulla sua ultima creazione, The Last Guardian.

Il gioco, annunciato come esclusiva PS3, non ha infatti ancora una data d'uscita e Ueda afferma di non fare più parte del processo di produzione del gioco.

"Il mio contributo creativo si è esaurito molto tempo fa e i dettagli sul come e quando il gioco verrà completato sono oltre il mio controllo", ha affermato il designer, che è poi tornato a scusarsi con i fan.

"Sono terribilmente dispiaciuto, perché, per varie ragioni, ho tenuto il mio pubblico in attesa per periodo così lungo".

Nell'intervista viene rivelato che per motivi contrattuali Ueda non è autorizzato a parlare del gioco, annunciato nel 2009 e sul quale Sony non vuole rilasciare ulteriori dettagli.

Sulla decisione di passare al libero professionismo, Ueda ha commentato che si tratta di una scelta "difficile da spiegare".

"In sostanza, l'ho fatto perchè sentivo un grande senso di crisi dentro di me riguardo a diversi aspetti [...] principalmente riguardo alla mia crescita personale e alla mia carriera".

Vai ai commenti (9)

Riguardo l'autore

Matteo Tabai

Matteo Tabai

Redattore

È un ragazzo abbastanza alto, appassionato di videogiochi, musica, montagna e buon cibo. Onnivoro sia a tavola che con un controller in mano, ha l'assurda pretesa di fare dei videogames la sua professione. Chi vivrà, vedrà.

Contenuti correlati o recenti

The Last of Us: Part II protagonista di un nuovo imminente State of Play

Un nuovo imperdibile appuntamento con l'esclusiva PS4.

Spider-Man tra i giochi gratis del PlayStation Plus di giugno?

L'acclamata esclusiva PS4 potrebbe far parte della line-up del prossimo mese.

Days Gone e Persona 5 Royal protagonisti di imperdibili offerte

Scopriamo le promozioni per i due giochi per PS4.

Articoli correlati...

Ghost of Tsushima e il concetto di spada? Estremamente letali, non sono dei 'tubi'

Il creative director Nate Fox parla di uno degli aspetti fondamentali del gioco.

ArticoloThis is the Zodiac Speaking - prova

Punch Punk Games ci porta alla scoperta di uno dei più iconici serial killer della storia americana.

Commenti (9)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza