"Microsoft si sta concentrando sui giochi che uniscono le persone e creano delle community"

Shannon Loftis assicura che non sarà la fine dei single-player.

L'occhio di parecchi fan e di possibili acquirenti è puntato verso Microsoft, verso Xbox One X e verso i giochi non ancora annunciati che secondo le parole dei dirigenti della compagnia sarebbero attualmente in sviluppo dietro le quinte.

Ma che tipo di giochi possiamo aspettarci dalla compagnia di Redmond? Shannon Lofis, general manager di Microsoft Studios Publishing ha in questo senso indicato la direzione di Microsoft e il tipo di esperienze su cui i team potrebbero essere al lavoro. Ecco quanto riportato da Games Industry

"Attualmente ci stiamo concentrando molto sui giochi che uniscono le persone, che formano community e che trovano dei modi per esprimersi. Ciò che abbiamo notato nel corso di questa generazione è che ci troviamo in una situazione in cui è meno importante spendere qualche centinaia di milioni per pubblicare un blockbuster ma conta invece creare un gioco più piccolo a cui i giocatori possono appassionarsi perché è fantastico da guardare o perché ci sono delle sezioni incredibili da condividere con gli altri.

1

"No, non si tratta della fine dei giochi story driven. Mi piacerebbe fare una ricerca su YouTube per vedere le reazioni delle persone di fronte al trailer di Ori and the Will of The Wisps. È incredibile vedere le reazioni dei giocatori e vederli piangere ed emozionarsi. Anche l'abilità di condividere una reazione legata al gioco o condividere ciò che si prova in un determinato momento è una meccanica social importante. Ci sarà sempre un bisogno di raccontare queste storia, quelle come Ori o come Zelda. Zelda è un gioco incredibilmente social e solo perché lo giochi in solitaria non significa che tutto il mondo non stia condividendo la tua esperienza.

"I giochi che costruiscono le community, questi sono i giochi su cui le persone tornano ancora e ancora e lo fanno sia per l'esperienza social che per il gameplay. Penso che sia anche per il bene della società. Cose che uniscono le persone piuttosto che dividerle. Ci sono molte cose che dividono le persone attualmente e sono orgogliosa di far parte di un'industria che fa l'opposto".

Parlando di esclusive, altro tema caldo quando si parla di Microsoft, Loftis ha citato PlayerUnknown's Battlegrounds un gioco la cui stessa esclusività non è, tuttavia, chiara.

"Abbiamo delle esclusive e ora hai parlato probabilmente della più grande esclusiva di questa parte finale dell'anno. PlayerUnknown è il gioco più popolare al mondo attualmente e può contare su otto milioni di giocatori. Sembra che ogni volta che batti le palpebre aggiungano un altro milione di giocatori. Portarlo su Xbox è davvero importante".

Cosa pensate delle parole di Shannon Loftis e di questa voglia di creare giochi in grado di formare delle community affiatate e attive?

Vai ai commenti (26)

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (26)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza