Bethesda difende il Creation Club: "non sono mod a pagamento"

Pete Hines cerca di far chiarezza.

Sin dal suo annuncio all'ultimo E3 il Creation Club di Bethesda ha fatto discutere. In molti rivedevano in questa iniziativa quelle mod a pagamento che erano state tanto criticate qualche anno fa.

Ma cos'è esattamente il Creation Club? Si tratta di un programma per PC, PS4 e Xbox One, che soddisferà le fantasie dei creatori di mod di Fallout 4 e The Elder Scrolls V: Skyrim. Grazie al Creation Club, gli utenti potranno scaricare, con crediti acquistabili anche su alcuni store online, oggetti, abilità e meccaniche di gioco realizzati da Bethesda Games Studios e da sviluppatori esterni, compresi i modder. Con il programma, potrete partecipare come creatori di contenuti e vendere le vostre creazioni, avendo così una possibilità di guadagno.

A rispondere alle critiche il vicepresidente della divisione marketing e PR di Bethesda, Pete Hines. Hines ha cercato di spiegare la natura di Creation Club attraverso uno scambio di tweet con l'utente Gage Keiser, uno scambio che è stato riportato da Gaming Bolt.

Hines: "Creation Club è separato dai DLC. Simile si ma non si tratta di DLC".

Keiser: "Pensavo che fossero mini DLC".

Hines: "Quando mi chiesero se si trattasse di mod dissi che erano più simili a mini DLC".

Keiser: "Quindi il vostro modo di fare è affermare "non è ciò che è". Si tratta di mod o di DLC?"

Hines: "Si tratta di contenuti del Creation Club. Stiamo provando qualcosa di nuovo".

Keiser: "Esattamente, mai una risposta chiara. Il Creation Club dà un'impressione ancora migliore quando neanche il vicepresidente della divisione marketing e PR riesce a rispondere a una semplice domanda".

Hines: "Stai cercando di inserire forzatamente qualcosa di nuovo all'interno di una categoria già esistente. Mi dispiace se la risposta non è soddisfacente. È diverso".

Keiser: "In realtà farebbe fare una brutta figura alla compagnia ma non tutti tra noi sono stupidi o non riescono a vedere oltre la facciata. So che lo capisci".

Hines: "Le mod a pagamento ci sono quando i modder possono chiedere denaro per le loro mod. Questo semplicemente non è il caso. Capisco e rispetto la tua opinione anche se non sono d'accordo".

Uno scambio sicuramente molto interessante su una questione delicata come i contenuti degli utenti a pagamento. Cosa pensate delle parole di Hines e del Creation Club?

Vai ai commenti (4)

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Contenuti correlati o recenti

X019: Yakuza 0, Yakuza Kiwami e Yakuza Kiwami 2 debuttano su Xbox One

La storica serie SEGA approda finalmente anche su Xbox One.

The Witcher 3 in arrivo su Xbox Games Pass?

Un annuncio pubblicitario potrebbe aver anticipato un annuncio previsto per questa sera.

Battle Breakers è un RPG annunciato a sorpresa da Epic Games

Un progetto ispirato ai cartoni animati e già disponibile ora.

Articoli correlati...

Project Witchstone è l'RPG indie che promette di rivoluzionare il genere

Sulle orme di Dungeons & Dragons il prossimo anno su PC, Xbox One e PlayStation 4.

Dragon Age 4 non sarà lanciato prima di metà 2022

L'attesa per il nuovo capitolo si fa lunga.

Commenti (4)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza