Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

EA SPORTS Mondiali FIFA Brasile 2014 - prova

Pooooopopooopoopopoooopoooo!

Milano - I mondiali di calcio sono uno dei pochi eventi capaci di unire l'Italia, farci dimenticare perché fino al giorno prima litigavamo per la destra o la sinistra, il nord e il sud, i laici e i cattolici. Sono il momento nel quale anche colui che schifa questo sport si ritrova a parlare di tattiche, fuorigioco e contropiede e milioni di mamme e fidanzate sono pronte ad aggiornare le loro formazioni, ferme ai tempi di Burgnich, Zoff, Baresi o Cannavaro.

Questo vuol dire che i mondiali di calcio non sono solo un appuntamento per appassionati, ma un evento di carattere globale, soprattutto quando sono organizzati in un paese come il Brasile che come noi vive, respira e mangia calcio.

Per questo motivo non sorprende che EA ogni quattro anni, in corrispondenza con la più importante competizione calcistica per nazioni, confezioni un nuovo capitolo di FIFA che provi a reinterpretare il suo bestseller in modo da essere più accessibile per il grande pubblico.

Con l'aggiunta di un motore fisico più raffinato e di un'inerzia più marcata, FIFA 14 aveva fatto un ulteriore passo nel verso opposto, scontentando quella parte del suo vasto pubblico poco incline a dover passare delle ore semplicemente per imparare a padroneggiare i controlli e i movimenti.

Per l'ennesima volta la Francia si è qualificata grazie a dei magheggi. Chi ha voglia di sbatterla fuori anche virtualmente?

Anche in questo caso, dunque, EA SPORTS Mondiali FIFA Brasile 2014 rappresenta per il colosso americano l'occasione di riavvicinare il pubblico spaventato dalla grande complessità della serie principale, di far conoscere il suo prodotto ad un pubblico più vasto di quello abituale, ma anche di fare qualche esperimento sul gameplay in vista di FIFA 15.

"Con Mondiali FIFA Brasile 2014 EA Sports prova a riavvicinare il pubblico spaventato dalla grande della serie principale"

Dopo avervene dato un assaggio in esclusiva siamo stati invitati presso gli uffici milanesi di EA per scambiare quattro chiacchiere con Matthew Prior, Lead Producer di EA Sports, e soprattutto per provare una versione non preliminare del gioco che arriverà su Xbox 360 e PS3 il prossimo 17 aprile.

L'occasione è stata ghiotta anche per dissipare qualche perplessità, legata principalmente alla scelta di non portare il gioco su Xbox One e PlayStation 4, oltre che su tutte le altre piattaforme raggiunte da FIFA 14, e di non inserire una qualche variante di Ultimate Team, una delle modalità più amate e di successo dell'intera serie.

La prima scelta dipende, molto semplicemente, da questioni di budget. Il team di Prior non ha a disposizione gli stessi fondi della squadra di Rutter, cosa che lo ha costretto a concentrare le forze sulle due piattaforme che oggigiorno gli garantiscono la più ampia base di utenza: Xbox 360 e PS3. A corroborare la decisione arriva anche il fatto che la penetrazione della nuova generazione in Brasile e in Sud America, paesi nei quali il gioco venderà a quintalate, è quasi inesistente. Decisamente un altro elemento che ha portato EA Sports a rinunciare a queste piattaforme.

Gli allenamenti saranno maggiormente integrati in modo da insegnare ai neofiti a giocare a FIFA.

Una risposta altrettanto semplice spiega l'assenza di FUT: il torneo iridato e di conseguenza la finestra temporale di visibilità di EA SPORTS Mondiali FIFA Brasile 2014 è molto limitata, circa tre/quattro mesi. Questo vuol dire che non ci sarebbe modo di dare alla comunità il tempo di costruire e scambiare i giocatori e al team di modificare le statistiche in base alle prestazioni in campo. Senza considerare che essendo un torneo basato sulle nazionali, è difficile trovare una formula di Ultimate Team che non preveda la commistione di campionati e nazionalità.

"Gli sviluppatori hanno lavorato principalmente su tre aspetti: il gameplay, l'accessibilità e le modalità di gioco"

Queste però sono le cose che non ci sono; in che modo, quindi, EA SPORTS Mondiali FIFA Brasile 2014 cercherà di convincere i videogiocatori a procedere all'acquisto? Gli sviluppatori hanno lavorato principalmente su tre aspetti: il gameplay, l'accessibilità e le modalità di gioco.

L'avere a disposizione un evento così importante e suggestivo ha spinto a cercare di restituire i colori, le atmosfere e le sensazioni del torneo brasiliano. Questo si traduce in menù colorati, nella completa riproduzione di tutti e 12 gli stadi ufficiali, ma anche in un diverso taglio registico che indugia molto sugli spalti, popolati da pittoreschi tifosi vestiti coi colori della loro selezione nazionale, sui primi piani e sugli allenatori, 19 dei quali perfettamente riprodotti.

Così come la nuova fisica della palla è stata tarata sul Brazuca, il pallone ufficiale della competizione, per restituire il massimo della fedeltà visiva con quello che vedrete, con tutta probabilità, in televisione.

Mondiali FIFA Brasile 2014: il teaser.

Tutto EA SPORTS Mondiali FIFA Brasile 2014 è infatti studiato per dare il meglio di sé durante le fasi finali, dato che il gioco si aggiornerà quotidianamente con statistiche, infortuni e risultati, così da darvi la possibilità di rivivere le partite appena terminate o provare ad anticipare il risultato di quelle che si giocheranno a breve.

"Le classiche Stagioni saranno modificate per provare ad emulare il cammino che una delle 203 nazionali presenti"

Anche le classiche Stagioni, questo il nome della modalità online competitiva di FIFA, saranno modificate per provare ad emulare il cammino che una delle 203 nazionali presenti si troverà a dover intraprendere per arrivare alla finale del Maracanà. Ognuno degli scogli da superare è rappresentato da uno degli stadi ufficiali dei Mondiali. Il funzionamento dovrebbe essere simile a quello che conosciamo, solo che in questo caso avrete sette partite da affrontare per ottenere il numero minimo di punti per evitare la retrocessione o essere promossi alla fase successiva.

Inoltre potrete giocare la Coppa del Mondo Online, un torneo ad eliminazione diretta o semplicemente organizzare amichevoli online con i vostri amici. E nel caso in cui non vogliate giocare in rete potrete provare a portare alla fase finale dei Mondiali la vostra nazionale, nelle vesti di suo capitano. Oltre alle partite necessarie per la qualificazione dovrete poi anche seguire gli allenamenti della squadra per migliorare la condizione dei vostri compagni.

Infine potrete rigiocare alcune delle partite più importanti della fase di qualificazione. Partirete da match fondamentali per le nazionali minori fino a sbloccare progressivamente tutte le nazionali maggiori e le loro vittorie. Questa modalità conterà circa 60 scenari totali. Ovviamente potrete anche decidere di replicare la fase finale dei Mondiali, mantenendo tutte e 32 le squadre qualificate o scegliendo liberamente le compagini da schierare.

La Strada per Rio sarà lunga e tortuosa. Riuscirete a mettere le mani sulla Coppa?

Ognuna di queste modalità vi consentirà di guadagnare moneta virtuale da spendere all'interno del catalogo Football Club per sbloccare divise storiche, vecchi palloni, video e aiuti per proseguire nel gioco, come tentativi extra per passare il turno online.

"È stato introdotto un nuovo livello di difficoltà ancora più semplice di quelli visti finora in azione"

Come dicevamo, però, EA SPORTS Mondiali FIFA Brasile 2014 si propone anche di introdurre la serie FIFA a nuove schiere di giocatori o di divertire coloro che sono stati attirati semplicemente dalla licenza dei mondiali. Per fare questo gli sviluppatori hanno lavorato sul fronte dell'accessibilità, ideando degli accorgimenti che da una parte semplifichino il gioco, tanto da renderlo approcciabile anche dai meno abili col gamepad, e dall'altra insegnino loro come padroneggiare l'azione.

Nel primo caso il procedimento è stato semplice, introducendo un nuovo livello di difficoltà ancora più semplice di quelli visti finora in azione. Questo, affiancato dal metodo di controllo a due tasti che debuttò quattro anni fa nel precedente FIFA Mondiali, dovrebbe garantire davvero a chiunque di poter giocare e vincere senza troppi patemi. Soprattutto considerando che questa volta ci è sembrato che il livello di difficoltà incida non solo sulle percentuali di passaggio o di tiro degli avversari, ma su tutta l'intelligenza artificiale che muove la squadra. Questo vuol dire che gli avversari non sbaglieranno semplicemente un gol davanti al portiere ma si muoveranno in maniera meno coesa lasciando ampi spazi per la vostra manovra.

Di converso, alzando il livello di difficoltà le maglie si stringeranno e i portieri saranno decisamente più reattivi, anche negli uno contro uno. Tutto questo sempre considerando l'anima più spensierata di EA SPORTS Mondiali FIFA Brasile 2014.

I crucc...ehm, i tedeschi sono sempre avversari ostici, per fortuna la tradizione è dalla nostra parte!

L'altro passo è stato quello di integrare ancora più a fondo gli esercizi di allenamento nel gioco, così da consentirvi di seguire un'intera sezione di training prima di una partita e non più un solo esercizio e basta.

"I calciatori tornano a muoversi in maniera dinamica in base ai comandi e non in base alla fisica"

I fan della serie, però, saranno interessati a sapere come effettivamente il gioco cambierà una volta scesi in campo. Beh, in poche parole la differenza è evidente. Dietro ai soliti roboanti e superstilosi nomi di Explosive Movement, Response Dribbling e Pinpoint Passing, si nasconde un vero e proprio ritorno alle origini da parte degli sviluppatori. In EA SPORTS Mondiali FIFA Brasile 2014 ogni calciatore tornerà a muoversi in maniera fluida e dinamica in base ai vostri comandi e non in base alla fisica del suo movimento.

Non dovrete più aspettare anni prima che Mexes riesca a cambiare direzione o attendere un quarto d'ora prima che Chiellini stoppi un pallone, ora tutto è nuovamente reattivo, veloce, frenetico. Questo si traduce in triangolazioni fulminee (avete presente il primo gol della Juve domenica sera contro il Milan?), dribbling e tanti, tanti gol.

Per questo motivo sono state inserite un centinaio di nuove animazioni che andranno a colmare alcune lacune nel campionario di movimenti degli atleti di FIFA. Volevate un nuovo tipo di scivolata o una nuova spallata con la quale sbilanciare l'attaccante? Sarà per il prossimo giro, visto che stavolta sono stati inseriti tre nuovi colpi di tacco (Neymar ringrazia), o un'animazione che simula il difensore che salta sopra le spalle dell'attaccante.

Non sarebbe male vincere il Mondiale in casa dei brasiliani!

Ovviamente sono stati rivisti anche i rigori. Da una parte è stata resa più semplice la meccanica di tiro, visto che non dovrete più infatti angolare troppo il cursore per ottenere un tiro pericoloso, e sono state aggiunte tutta una serie di animazioni per i portieri che potranno provare prima a distrarre il tiratore con strani movimenti sulla linea di porta (vi ricordate di Dudek in Milan - Liverpool?) ed in seguito a bloccare la palla, anche in tuffo. Infine, durante i calci d'angolo potrete chiamare uno dei quattro schemi predefiniti in modo da dire ai vostri colpitori di testa dove avete intenzione di calciare.

"La sensazione è di trovarsi di fronte ad un gioco frenetico e divertente, quasi arcade"

Gli amanti della simulazione potranno storcere il naso ma coloro stufi di lottare a centrocampo tra palle perse e strattonate, troveranno pane per i loro denti. EA SPORTS Mondiali FIFA Brasile 2014 è nato per riunire le famiglie davanti al televisore e rivivere le emozioni della Coppa del Mondo, senza troppi sbattimenti. È il gioco da alternare a Wii Sport e Just Dance prima o dopo la partita dell'Italia, quello dove chiunque, anche colui che non sa la differenza tra un terzino e un fluidificante, dovrebbe potersi divertire.

Dalle prime partite che abbiamo potuto effettuare la sensazione è, infatti, quella di trovarsi di fronte ad un gioco frenetico e divertente, qualcuno lo definirebbe "arcade", fatto più per intrattenere che per simulare la fase finale della Coppa del Mondo. Diverse partite sono infatti finite con punteggi tennistici ma c'è da dire che alzando il livello di difficoltà le difese si schierano meglio in campo, anche se mai troppo.

La cosa interessante è che in base ai feedback che EA SPORTS Mondiali FIFA Brasile 2014 otterrà, il team principale potrà decidere se mantenere o scartare determinati cambiamenti, ovvero se FIFA 15 sarà più o meno ostico del 14.

I tempi sono comunque strettissimi: EA SPORTS Mondiali FIFA Brasile 2014 arriverà nei negozi a metà di aprile e noi non mancheremo di parlarvene nuovamente il prima possibile.

A proposito dell'autore

Avatar di Luca Forte

Luca Forte

Contributor

Luca si divide tra la gestione del ruspante VG247.it e l'infestare Eurogamer con i suoi giudizi sui giochi sportivi, Civilization, Fire Emblem, Persona e Football Manager. Inviato d'assalto, si diverte a rovinare le anteprime video dei concorrenti di tutto il mondo in modo da fare sembrare le sue più belle.

Commenti

More Anteprime

Ultimi Articoli