Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

I Reflections pensano già alla next-gen

"E anche gli altri sviluppatori lo fanno".

I Reflections, sviluppatori di Driver: San Francisco, stanno già pensando alla creazione di motori grafici per la prossima generazione, e vogliono 1080p a 60 fps come requisito minimo per le prossime Xbox e Playstation.

Il fondatore della compagnia, Martin Edmonson, ha specificato a Eurogamer che questo farebbe scomparire un sacco di problemi che gli sviluppatori potrebbero concentrarsi nel creare giochi migliori per Xbox 360 e Playstation 3.

"Mi piacerebbe che la risoluzione a 1080p e i 60 frame al secondo fossero garantiti - ha spiegato - così che non ci si debbano più porre i soliti dilemmi: spingiamo sui dettagli o spingiamo sul frame rate? Spingiamo sugli effetti o sul frame rate? Ci dedichiamo alla risoluzione o alla gestione della memoria?

"Se fossimo sicuri che tutto filasse liscio come l'olio, e che la risoluzione fosse alta e dettagliata, dovremmo preoccuparci solo dei contenuti. Questo toglierebbe dal nostro percorso un sacco di stupidi problemi".

Driver: San Francisco, la cui recensione potete trovare su queste pagine, gira a 60fps in single player, nonostante l'enorme universo di gioco, ma cala drammaticamente a 30 nel multi.

"Sono quasi certo che Driver: San Francisco faccia quasi fumare la console (si riferisce alla PS3, ndR) da quanto la sfrutta, e lo stesso potrei dire di Gran Turismo 5. Ma per arrivare a questi risultati il cammino è molto lungo, pieno di vantaggi e svantaggi. Quando hai a che fare con un sistema complesso come la PlayStation 3, vuol dire che ci sono sicuramente delle risorse segrete da sfruttare, e se riesci a trarne vantaggio puoi fare cose meravigliose.

"Questo aiuta a separare gli sviluppatori capaci da quelli che lo sono meno. Ma ciò vuol dire anche spendere mesi o anni e un sacco di soldi, solo per riuscire a sfruttare il sistema, tempo che non viene utilizzato per creare contenuti innovativi".

"Ciò che mi piacerebbe vedere in un nuovo sistema è la facilità di utilizzo".

"Stiamo già pensando alla prossima generazione, e questo vale anche per gli altri sviluppatori. Ogni gioco che abbia una data di rilascio che scade fra quattro anni, come è stato per Driver: San Francisco, sta già pensando in termini di next-gen, non l'attuale. Ormai è un concetto assodato".

"Ovviamente questo vuol dire che devi buttare via il tuo vecchio motore grafico. Noi l'abbiamo fatto con quello di Destruction Derby, con quello di Driver 1, di Stuntman e di Driver 2. Ma ti rimane comunque un enorme bagaglio di conoscenze ed errori fatti, che hanno un valore incommensurabile, e che ti fanno risparmiare un sacco di tempo nei tuoi progetti futuri".

Proprio il mese scoso abbiamo chiesto a un gruppo di sviluppatori quali sono i loro desideri per la next-gen, e le risposte non sono state molto diverse da quella di Edmonson.

A proposito dell'autore

Avatar di Lorenzo Fantoni

Lorenzo Fantoni

Contributor

Dentro un rugbista di 110kg dedito agli stravizi, batte il cuore di nerd vecchio stampo con lo sguardo perennemente abbronzato da uno schermo, anche d'estate.

Commenti