Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Tokyo Jungle - preview

Benvenuti nella catena alimentare.

Quanti di voi hanno seguito fin dall'inizio questo gioco? Non molti, probabilmente, ma è comprensibile visto che Tokyo Jungle è sicuramente uno dei titoli più particolari (per non dire folli) che si siano mai visti. Una serie di animali, selvaggi o meno, si danno battaglia per la sopravvivenza in una capitale nipponica post-apocalittica: decisamente c'è di che farsi venire il mal di testa. Ma non finisce qui perché nel gioco c'è anche avventura, una generosa dose di platform e altro ancora.

Tokyo Jungle è ambientato 10 anni dopo la fine dell'umanità sul pianeta Terra. Cosa sia successo non è chiaro, fatto sta che tutto è in rovina. Macerie e vegetazione selvaggia fanno da sfondo a quel che rimane di un pianeta che due lustri prima era abitato "anche" da 7 miliardi di persone.

Il "quasi" sta a significare che ora non stiamo parlando di un pianeta deserto, anzi, gli animali ora dominano la scena e grazie ai chip di memoria impiantati dentro di loro potremo anche scoprire qualcosa in più della storia. Chip di memoria inseriti in animali selvaggi, che spiegano la fine del genere umano? Tranquilli, questo non è che l'inizio della follia...

Suda 51 gioca a Tokyo Jungle!

Il fulcro del gameplay di Tokyo Jungle è una modalità chiamata guarda caso Survival, nella quale si può scegliere quale animale controllare tra la lista di quelli disponibili. Ovviamente ognuno di essi ha i suoi punti di forza e debolezze, forza d'attacco e difesa, stamina e così via.

L'obiettivo è, in primis, trovare cibo per poter sopravvivere e poi cercare di conquistare nuovi territori. Il bisogno di nutrirsi sarà costante per tutta la durata del gioco e se non si presterà particolare attenzione la morte del nostro personaggio sarà solo questione di minuti. Naturalmente molto dipende anche da che tipo di animale si sceglie: carnivoro o erbivoro?

Sembra facile la scelta, ma nel corso del gioco avremo a che fare con tantissime specie di predatori, che si nasconderanno tra le rovine della città, pronti a trasformarci nel loro prossimo pasto. I combattimenti non saranno particolarmente complessi, ma avranno un certo spessore e consentiranno anche di scegliere se muoversi in modalità stealth o attaccare indiscriminatamente qualsiasi preda.

Disordine, caos e confusione... ovunque!
Cane e orso in coppia contro due iene. L'incontro dell'anno!

Un paio di fauci rosse sopra un nemico staranno a significare che questo è pronto a balzare verso di noi, ma con un buon tempismo nell'impartire il comando giusto potremo anche schivare l'attacco... azione che verrà sottolineata da un prevedibile effetto slow-motion.

Al di la della necessità di mangiare e difendersi, Tokyo Jungle ci chiederà anche di espandere i nostri domini cittadini. Eliminare tutta la "concorrenza" in un determinato territorio ci permetterà di farlo nostro e di stabilirvi una "base", nella quale potremo anche accoppiarci per mettere in cantiere la nostra discendenza. Queste fasi, ovviamente, non saranno mostrate se non con la solita dissolvenza in nero... e meno male!

Una volta messa su famiglia, i nostri discendenti potranno essere controllati direttamente e porteranno le nostre statistiche più in alto, il che si rivela un modo decisamente più originale del solito passaggio di livello. La forza della nostra discendenza dipenderà anche dal livello della compagna (o compagno) che avremo trovato, quindi quando sarà il momento fate in modo di non andare con il primo/a venuto.

"I nostri discendenti potranno essere controllati direttamente e porteranno le nostre statistiche più in alto"

Dovremo anche fare attenzione, perché gli altri predatori potranno inviare nei nostri territori il "parentame" in cerca di gloria e nuove conquiste. Allo stesso modo gli animali meno aggressivi potranno organizzare tattiche diverse per attirarci in trappola e se l'intero nostro clan dovesse essere battuto... beh, sarà game over!

Portando a termine determinati obiettivi nel gioco si otterranno Survival Points, che poi altro non sono che gli XP di Tokyo Jungle. Grazie agli SP potremo sbloccare nuovi animali giocabili, ma anche accessori per personalizzare quello che stiamo usando, e parliamo di roba decisamente particolare come cappellini da baseball e vestiti da ninja.

Più si riesce a sopravvivere e maggiori saranno gli eventi di cui saremo testimoni e ai quali potremo partecipare. La popolazione animale di questa versione devastata di Tokyo è infatti in continua evoluzione. Bestie e creature differenti usciranno allo scoperto di notte o in presenza di particolari situazioni e il gioco si svolge in un arco temporale della durata di parecchi anni.

Ogni manciata di minuti reali corrisponderà a un anno nel gioco e questo ci permetterà, in una sessione mediamente lunga, di assistere anche ad un'evoluzione di qualche decina di anni. Tokyo Jungle avrà anche una modalità multiplayer co-op, che sarà però giocabile solo in locale e non online... ma senza split-screen.

Concludendo, da quello che si è potuto vedere finora, questo non è sicuramente un gioco adatto a tutti i tipi di palato. Siamo di fronte ad un prodotto di nicchia, indubbiamente, che però ha tutte le potenzialità per attirare un gran numero di curiosi e di giocatori che hanno voglia di qualcosa di diverso.

Taggato come

A proposito dell'autore

Avatar di Daniele Cucchiarelli

Daniele Cucchiarelli

Contributor

Lavora nel giornalismo videoludico da oltre 11 anni. Anche se tutti quelli che lo conoscono gli hanno consigliato di "trovarsi un lavoro serio", resta sempre fedele al suo primo amore.

Commenti

More Anteprime

Ultimi Articoli