DOTA: è guerra aperta tra Blizzard e Valve

Scontro tra titani per la mod di Warcraft III.

Blizzard e Valve sono ufficialmente entrati in conflitto per l'utilizzo del nome DOTA (Defence of the Ancients).

Tutto ha avuto inizio quando Valve annunciò l'intenzione di sviluppare un sequel di DOTA, gioco basato su una mod di Warcraft III, e il tentativo di registrare il marchio per farlo diventare una sua proprietà autonoma.

Come se non bastasse, anche Blizzard ha annunciato un seguito di DOTA, specificando che un passaggio dell'IP nelle mani di Valve pregiudicherebbe il suo buon nome e la legione di fan che da tempo la segue.

"Tentando di registrare il marchio DOTA, Valve cerca di acquisire la proprietà di più di sette anni di buona volontà espressa nella produzione dei marchi Blizzard DOTA e Warcraft III, e di prendere un nome che è venuto a significare gli anni e le energie spese da Blizzard e dai fan di Warcraft III", si legge in una nota di Blizzard.

"Se tale registrazione dovesse essere accettata, Blizzard e i suoi fan sarebbero pregiudicati, compresi i consumatori che accrediterebbero erroneamente a Blizzard prodotti di Vave che non sono correlati, patrocinati e finanziati da Blizzard, né tantomeno legati a Warcraft III".

Come andrà a finire?

Vai ai commenti (1)

Riguardo l'autore

Paolo Sirio

Paolo Sirio

Redattore

Boxaro ma non troppo, sonaro a tratti con un occhio di riguardo per Nintendo, comprende ben presto che il mestiere del giornalista, filtrato per la passione dei videogiochi, ha tutto un altro sapore.

Contenuti correlati o recenti

A seguito del caso Blitzchung, Riot ed ESL chiedono ai giocatori professionisti di non parlare di "temi sensibili" pubblicamente

Epic Games invece "supporta il diritto di esprimere la propria opinione su questioni politiche e diritti umani".

AESVI lancia la Guida agli eSports

Tutto ciò che c'è da sapere sul mondo dei videogiochi competitivi.

FIFA 20: il sito ufficiale di EA svela per errore dettagli personali dei giocatori

I giocatori hanno notato il problema mentre si iscrivevano alle Global Series di FIFA 20.

Articoli correlati...

ArticoloInvestire negli esport: stabilire resilienza in un ambiente volubile - articolo

il CEO di New Wave Esports, Daniel Mitre, sul fascino delle squadre in contrapposizione alla sostenibilità delle piattaforme.

In appena 2 anni Fortnite è diventato il secondo titolo con i più alti premi in denaro

Superando un mostro sacro come Counter Strike: Global Offensive.

La FIGC conferma lo sbarco negli eSport e vara la eNazionale in vista del Campionato Europeo UEFA 2020

Al via la seconda tappa di selezione della Nazionale di eFoot Azzurro che rappresenterà l'Italia nel campionato calcistico virtuale di PES 2020.

Commenti (1)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza