Dota 2 confermato free-to-play e annunciato il Dota Store

Free-to-play ma non pay-to-win, secondo Valve. 

Dota 2, l'atteso action strategy game sviluppato da IceFrog, è stato confermato essere un free to play, anche se Valve insiste nel dire che non sarà un pay-to-win.

Confermato anche il lancio, in una fase più avanzata, del Dota Store, che offrirà oggetti creati sia dagli sviluppatori che dalla community stessa. Gli utenti della beta possono usarlo per acquistare oggetti che potranno poi essere trasportati nella versione finale del gioco.

"Con il supporto a Steam Workshop, gran parte degli oggetti disponibili al day one saranno stati creati e venduti dai membri della community", ha dichiarato IceFrog. "Rendendo il gioco free-to-play, speriamo di dare ai giocatori la possibilità di decidere come e quanto investire nell'esperienza".

Rispondendo agli utenti preoccupati del passaggio alla struttura free-to-play, Valve ha dichiarato sul blog ufficiale: "Dota 2 non sarà un gioco pay-to-win". "Tutti gli oggetti nel negozio saranno meramente ornamentali e non influenzeranno il gameplay".

Vai ai commenti (3)

Riguardo l'autore

Filippo Facchetti

Filippo Facchetti

Redattore

Filippo Facchetti è un rispettabile nerd da sempre appassionato di "giochini elettronici". Prima di approdare a Eurogamer scrive per importanti riviste di settore e conduce programmi TV dedicati all'intrattenimento digitale.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

L'Evo 2020 diventa un evento digitale a causa del Coronavirus

Cancellata la competizione che ora si svolgerà solo online.

ArticoloScoperti gli esport, si può tornare indietro? - editoriale

La pandemia non ha fermato l'industria videoludica. Soprattutto gli esport hanno rafforzato la loro posizione.

Commenti (3)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza