Problemi per il film Uncharted, e Sony fa riscrivere la sceneggiatura

Il regista di Limitless non fa più parte del progetto.

Il film di Uncharted vedrà mai il buio della sala? La domanda è lecita, visto che il suo futuro è ancora molto incerto, dopo che Sony ha annunciato un'altra volta l'affidamento del progetto a un team totalmente nuovo, che ne riscriverà la sceneggiatura.

Gli scrittori Marianne e Cormac Wibberley, le menti dietro al film di Disney "Il tesoro dei templari", stanno infatti riscrivendo totalmente la trama di Uncharted: Drake's Fortune, come riportato da Variety.

Come ulteriore tegola sul futuro del film, Neil Burger (regista di Limitless e The Illusionist) non è più legato al film, e apparentemente Sony, e i molti altri investitori, aspetteranno l'uscita della nuova sceneggiatura prima di cercare un altro regista.

Questa ultima battuta d'arresto è solo l'ultima di una serie di vicissitudini che hanno tormentato la pellicola. Già nel 2011 Burger fu annunciato come regista del film, dopo il duro abbandono di David O. Russell.

Già in quel periodo Burger disse che il team stava "ripartendo da zero" sullo script e "tornando al videogioco", e le sue affermazioni rassicurarono i fan di Uncharted, preoccupati dalla gestione di Russell del progetto.

Nella visione di Russell infatti sarebbe stato Mark Wahlberg a interpretare Nathan Drake, ultimo nato di una famiglia di antichi commercianti, suo padre sarebbe stato Robert De Niro e suo zio Joe Pesci.

Ed è un peccato che Burger se ne sia andato, perché la sua idea era molto più fedele al mondo creato da Naughty Dog, un mondo che adesso è tutto da riscrivere.

Vai ai commenti (2)

Riguardo l'autore

Lorenzo Fantoni

Lorenzo Fantoni

Redattore

Dentro un rugbista di 110kg dedito agli stravizi, batte il cuore di nerd vecchio stampo con lo sguardo perennemente abbronzato da uno schermo, anche d'estate.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

The Last of Us ha venduto oltre 20 milioni di copie su PS4 e PS3

Nuovo traguardo per il gioco di Naughty Dog.

In Death Stranding la vita o la morte degli NPC dipenderà dalle scelte del giocatore

Hideo Kojima: "vogliamo davvero svelare il significato della connessione tra le persone. Come si forma, come si sviluppa".

Commenti (2)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza