Techland chiarisce la situazione sul frame rate di Dying Light su console

"Le cose possono ancora cambiare".

Dopo la dichiarazione di ieri, secondo la quale Dying Light avrebbe avuto un frame rate di 30fps su PS4, nonostante gli sviluppatori avessero detto di puntare ai 60fps, Techland chiarisce la situazione in comunicato inviato al sito Gamespot.

"1080p/30fps è quello che abbiamo al momento, è costante ed è ciò che siamo sicuri di poter offrire nel prodotto finale" si legge, "Ma stiamo ancora lavorando, e nonostante manchino non più di due settimane, le cose possono ancora cambiare".

Se entrambe le console potranno contare sui 1080p/30fps, non è ancora chiaro: "Troppo presto per dirlo, ma stiamo cercando di spremere tutto ciò che possiamo da entrambe le console".

Vai ai commenti (10)

Riguardo l'autore

Elio Cossu

Elio Cossu

Redattore

Morso da un C64 radioattivo in tenera età, si trasforma lentamente in un videogiocatore accanito e nerd di un certo livello. Lo si trova spesso a frugare tra i giochi indie alla ricerca di qualche perla nascosta.

Contenuti correlati o recenti

ArticoloLa silenziosa e straripante forza dei videogiochi - editoriale

Alcune avventure diventano possibili unicamente grazie ai videogames.

ArticoloIl dopo-Xbox è già ampiamente segnato - editoriale

Game Pass e xCloud: i due volti del futuro di Microsoft per andare oltre a Xbox.

ArticoloIl grande Esport: spettacolo o competizione? - speciale

Eurogamer è andata a vedere da vicino la finale dei Worlds di League of Legends.

Articoli correlati...

Overwatch 2: la modalità Storia offrirà un'esperienza degna di un blockbuster tripla A, secondo Jeff Kaplan

Per il game director sarà un'esperienza con una longevità "significativa"

Phil Spencer: "i videogiochi hanno il potere di creare un legame di empatia tra le persone"

"Hanno l'abilità unica di mettere insieme le persone e l'industria ha il compito di sviluppare questa caratteristica".

ArticoloIl grande Esport: spettacolo o competizione? - speciale

Eurogamer è andata a vedere da vicino la finale dei Worlds di League of Legends.

Il politico statunitense Andrew Yang vuole regolarizzare l'utilizzo delle loot box nei videogiochi

Il candidato alle primarie democratiche vuole più trasparenza da parte dei publisher.

Xbox Scarlett: Microsoft non teme PS5, parola di Aaron Greenberg

"Siamo più ossessionati dagli utenti che dalla concorrenza".

Commenti (10)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza