La nuova versione Steamworks di Resident Evil 5, pubblicata due settimane fa, è priva sia di una modalità split-screen che del codice necessario per abilitarla tramite una mod già disponibile per la vecchia versione del titolo.

Dopo 6 anni di attesa, il titolo Capcom è infatti passato alla piattaforma Steam, rimuovendo intenzionalmente (come potete leggere dalle release notes lasciate per errore nei file del gioco) le parti inerenti allo split-screen.

Un portavoce di Capcom ha risposto alla vicenda su NeoGAF, dichiarando che "il codice della versione PC del gioco semplicemente non sa distinguere due controller", e che il codice interente allo split-screen "non è funzionante perchè derivante dalle versioni PS3\X360".

Ma due modder che hanno lavorato alla mod per lo split-screen della versione GFWL di Resident Evil 5 si sono fatti sentire.

Secondo gli utenti noti come TheBlade e Sectus, infatti, la loro mod si occupava semplicemente di "accedere l'interruttore" dello split-screen nel codice del gioco, e che il codice per lo split-screen era funzionante.

"Posso confermare che il codice è COMPLETAMENTE funzionante, non abbiamo aggiunto nient'altro nella mod. Il gioco non ha alcun problema nel distinguere due controller", ha dichiarato TheBlade.

Capcom ha pubblicato una dichiarazione ufficiale nel frattempo, affermando che "nel processo di conversione sono state necessarie alcune modifiche al codice del gioco per aggiungere senza problemi i contenuti aggiuntivi". "Di conseguenza, la versione più recente di Resident Evil 5 non è compatibile con la vecchia mod per lo split-screen".

Che ne pensate?

Grazie, Eurogamer.net.

Riguardo l'autore

Alex Franchini

Alex Franchini

Redattore

La sua passione per i videogiochi e la musica risale all'infanzia. PCista ma non di parte, approfitta di ogni occasione per fare paragoni con Dark Souls. Lo si può occasionalmente trovare alla guida di auto da corsa virtuali con risultati imbarazzanti.