L'analista Michael Pachter ha dichiarato in più di un'occasione che Xbox One X non otterrà grandi risultati a livello di vendite e ha anche sottolineato come Microsoft si trovi in una posizione di netto svantaggio rispetto a Sony a livello di esclusive.

Proprio per questo motivo la decisione di rinviare una delle due esclusive contemporanee al lancio di Xbox One X potrebbe essere un problema? Ecco le parole di Pachter riportate da Gaming Bolt.

1

"I ritardi sono piuttosto tipici e devono essere messi in conto. Il gioco non è pronto e il ritardo non sarà particolarmente importante, probabilmente tra i sei e gli otto mesi. Non sarà assolutamente un problema e se qualcuno voleva comprare Xbox One X per Crackdown potrà farlo a marzo invece che a novembre. Non penso che le vendite di Xbox One X saranno particolarmente importanti soprattutto per il suo prezzo e non penso che un rinvio di sei o otto mesi di Crackdown 3 faccia alcuna differenza".

Considerando l'accoglienza a dir poco tiepida riservata al titolo la posizione di Pachter sembra tutto sommato condivisibile. Crackdown 3 d'altronde non sembrerebbe un'esclusiva in grado di spostare grandi numeri. L'impatto negativo del rinvio di Crackdown 3 è soprattutto a livello di immagine. Non è il ritardo di Crackdown 3 in senso stretto ad alimentare le critiche ma è la sensazione che Microsoft non stia facendo abbastanza a livello first-party. Il problema non è il singolo titolo ma l'impressione generale che traspare.

Cosa ne pensate?

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.