La cancellazione di Scalebound non è da attribuire solo a Microsoft

Entrambe le parti in causa avrebbero commesso degli errori.

Scalebound era forse un titolo un po' troppo ambizioso per il team di Platimun Games e questo ha in seguito portato alla decisione di cancellare l'intero progetto. Inutile dire che i fan non sono stati molto felici di questa decisione ed anche se è stata Microsoft a prendersi tutte le colpe, Platinum Games afferma che entrambi le parti hanno commesso degli errori.

Come riporta WCCFTECH, Atsushi Inaba lo ha affermato durante una recente intervista:

"Vedere i fan arrabbiarsi con Microsoft (per la cancellazione di Scalebound) non è stato facile per noi. Questo perché quando un gioco in sviluppo non riesce a vedere la luce è sempre colpa di entrambi le parti. Credo che avremmo potuto fare di meglio alcune cose e sono sicuro che Microsoft avrebbe voluto fare di meglio su altre cose come publisher. Perché nessuno vuole che un gioco sia cancellato."

scalebound_e32016_02_thuban_roar_m2cr

Inaba ha inoltre messo a tacere i recenti rumor su un ipotetico ritorno del progetto su Nintendo Switch, dicendo che non ci sono piani in tal senso. Inoltre è stato ribadito che l'IP è nella mani di Microsoft, dunque un ritorno su Switch è decisamente improbabile. Al momento i ragazzi di Platinum Games si stanno dando da fare nello sviluppo di vari progetti, tra cui Bayonetta 3, Astral Chain e Babylon's Fall.

Cosa ne pensate? Voi cosa ne pensate del progetto Scalebound?

Vai ai commenti (5)

Riguardo l'autore

Andrea Di Carlo

Andrea Di Carlo

Redattore

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (5)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza