Call of Duty: Modern Warfare metterà in discussione la moralità dei giocatori

Gli sviluppatori spiegano la nuova direzione dello sparatutto. 

Al di fuori di alcuni casi nel passato, Call of Duty non è stata la serie che molti hanno amato per la sua narrativa sfumata e la sua visione morale sul mondo. Bene, sembra che Infinity Ward voglia davvero cambiare le cose con il prossimo capitolo, Call of Duty: Modern Warfare, riporta Gamingbolt. Gli sviluppatori affermano che non solo vogliono raccontare una storia più grintosa, ma vogliono che la storia metta in dubbio i giocatori su quello che stanno facendo.

Nell'ultimo numero di Official PlayStation Magazine, il narrative director Taylor Kurosaki e il campaign game director Jacob Minkoff hanno parlato della nuova direzione del gioco e di come vogliono che la moralità dei giocatori venga messa in discussione.

"Cosa significa Modern Warfare nel 2019? Significa che il campo di battaglia è più sfocato che mai. Significa che i nemici non indossano le uniformi, significa che il danno collaterale è una parte reale dell'equazione. Le persone devono prendere decisioni sulla vita o la morte", ha detto Kurosaki.

"Se stiamo per raccontare una storia su personaggi a disagio che sentono le cose moralmente grigie, allora dobbiamo fare in modo che il giocatore, nel gameplay, si senta a disagio . Ti faremo mettere in discussione la tua moralità come giocatore", ha detto Minkoff.

Call_of_Duty_Modern_Warfare

Che ne pensate?

Call of Duty: Modern Warfare, provato in anteprima, è in fase di sviluppo per PS4, Xbox One e PC, ed è previsto in uscita il 25 ottobre.

Vai ai commenti (0)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (0)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza