Picture of John Linneman

John Linneman

Staff Writer, Digital Foundry

An American living in Germany, John has been gaming and collecting games since the late 80s. His keen eye for and obsession with high frame-rates have earned him the nickname "The Human FRAPS" in some circles. He’s also responsible for the creation of DF Retro.

Featured articles

Al giorno d'oggi, gli sviluppatori e i publisher creano i propri giochi con una serie di piattaforme in mente ma è bene ricordare che le cose non sono sempre andate così. I titoli, infatti, in precedenza, venivano lanciati prima nei cabinati per arcade per poi essere portati sulle home console e solo dopo l'arrivo di hardware come l'originale PlayStation le cose hanno iniziato a cambiare con giochi sviluppati specificamente attorno ai punti di forza della console. Il porting diretto verso altri sistemi raramente funzionava a causa di grosse differenze hardware ed alcuni sviluppatori preferivano creare giochi completamente nuovi. Quando parliamo del porting per Nintendo 64 di Resident Evil 2, Angel Studios (adesso Rockstar San Diego), ha scelto un approccio differente. L'obiettivo era quello di superare tutte le limitazioni più profonde di Nintendo 64, offrendo una trasposizione accurata della release originale per PlayStation.

Digital FoundryFinal Fantasy 13 su Xbox One X è un capolavoro di retrocompatibilità - analisi tecnica

Performance incrementate, risoluzione 9 volte superiore e cutscene nettamente migliorate.

Il recente arrivo di Final Fantasy 13 su Xbox One è una brillante aggiunta alla già notevole libreria di giochi retrocompatibili della console. Inoltre, almeno per i possessori di X, la trasposizione è strabiliante: quella che, originariamente, era la versione meno bella del titolo, ora è di gran lunga il modo migliore per giocarlo. Come se non bastasse, Microsoft offre un'esperienza talmente migliorata ai propri utenti che la linea tra titolo retrocompatibile e completa rimasterizzazione appare davvero sottile.

Diciotto anni dopo il lancio dell'originale Hitman: Codename 47, la serie continua a vivere anche se, probabilmente, la sua formula è stata perfezionata solo con il titolo del 2016 dello studio danese IO Interactive. Quel gioco è stato universalmente riconosciuto per il suo mondo complesso e sistematico, per il suo interessante design e per le sue missioni altamente rigiocabili: un successo su tutta la linea. Hitman 2, uscito di recente, è il seguito del lavoro iniziato da IO nel 2016, con sei nuove ambientazione, nuove meccaniche di gameplay e opzioni.

Diciassette anni fa Nintendo lasciò tutti a bocca aperta quando lanciò una delle sue console più belle, lo splendido GameCube, senza un gioco di Mario. A quel tempo sembrò a tutti una mossa completamente folle. I titoli di Mario, infatti, erano stati la chiave del successo di tutte le loro piattaforme precedenti ma, questa volta, c'era qualcos'altro ad attendere i primi acquirenti.

Red Dead Redemption 2 stabilisce un nuovo standard sotto il punto di vista tecnico ed è il risultato di un percorso di sviluppo davvero unico. Con Grand Theft Auto 5, Rockstar ha confezionato il titolo con i guadagni più alti della storia dei videogiochi e, di conseguenza, ha potuto investire tutto il tempo, il denaro e le risorse necessarie per realizzare la propria visione per il gioco definitivo. Il prodotto finale è un capolavoro tecnico, al punto da raggiungere e addirittura superare i migliori titoli first-party di questa generazione.

Digital FoundryDietro le quinte di CoD Black Ops 4: Blackout, Battle.net e il nuovo focus sulla versione PC - intervista

Il Digital Foundry ha discusso con Treyarch della tecnologia alla base del loro nuovo titolo.

Sono passate un paio di settimane dal lancio di Call of Duty: Black Ops 4, un gioco che porta la serie in nuove direzioni, rimuovendo completamente la campagna per giocatore singolo e presentando l'interpretazione di Treyarch del fenomeno Battle Royale. Ma c'è di più: il team di sviluppo si è concentrato sul creare la migliore versione PC possibile, portando il titolo per la prima volta sul Battle.net di Blizzard. Stiamo assistendo al più grande cambiamento alla formula di CoD fin dai tempi di Modern Warfare e, infatti, dal successo che sta riscontrando questo nuovo capitolo, la serie di Call of Duty potrebbe non essere mai più la stessa.

Digital FoundryRed Dead Redemption 2 si gioca al meglio su Xbox One X - analisi comparativa

Abbiamo testato il gioco su ogni console, standard e premium.

PlayStation 4, e recentemente PS4 Pro, hanno preso la scena nella campagna pubblicitaria pre-release di Red Dead Redemption 2, quindi abbiamo una chiara idea di come l'ultima epica avventura di Rockstar si comporti sull'hardware di Sony. Oggi, possiamo parlare delle versioni Xbox One del gioco e concludere con questa sentenza: se cercate la migliore esperienza di Red Dead Redemption 2 possibile, Xbox One X è la piattaforma da scegliere. Il meraviglioso traguardo tecnologico di Rockstar gira a risoluzione nativa 4K su Xbox One X, e offre al contempo l'esperienza più fluida. Considerando quanto Rockstar stia forzando la mano sull'hardware current-gen, si tratta di un risultato incredibile.

Digital FoundryAnalizziamo le immagini del remake in HD di Shenmue cancellato da Sega - articolo

Sega commenta la recente diffusione di un video riguardante il progetto cestinato

Shenmue: un gioco d'avventura e di scoperta. È un classico senza tempo dotato di una storia profonda e affascinante, ancora attualissima al giorno d'oggi. Da quel che sappiamo, Sega ha chiesto allo sviluppatore d3t di rimasterizzare Shenmue e il suo sequel per la corrente generazione di console e PC. Quello che abbiamo ricevuto è stato un buon gioco che ha riportato il classico Shenmue sulle macchine moderne anche se il comparto grafico è basato quasi esclusivamente sugli asset AM2 originali. Il fatto è che, prima di completare questo progetto, i piani prevedevano di realizzare qualcosa di considerevolmente più ambizioso, ossia un remake completo con artwork completamente ridisegnati per adattarsi al meglio alle possibilità delle piattaforme attuali. Noi abbiamo potuto vederlo e oggi lo vedrete anche voi.

In oltre due decadi di storia, prodotto da una serie di talentuosi sviluppatori, la saga di Tomb Raider è diventata un metro di paragone per i progressi del gaming in 3D. Dai primi capitoli degli anni '90, passando per le iterazioni della generazione PS2, fino ad arrivare alla recente resurrezione, la serie è cambiata e si è evoluta per andare incontro alle esigenze di una nuova era. Shadow of the Tomb Raider continua questa tradizione presentando non solo una evoluzione tecnologica ma anche alcune interessanti modifiche nel gameplay di questa saga reboot.

Digital FoundryMarvel's Spider-Man: Insomniac raggiunge nuove vette tecniche - articolo

Il nuovo capolavoro tecnico di Marvel per PS4 sotto la lente del nostro microscopio.

Marvel's Spider-Man continua la serie di release first party vincenti di Sony, proponendo ancora una volta un mix perfetto tra tecnologia ai massimi livelli, gameplay rifinito e una gran quantità di contenuti. Dal nostro punto di vista si tratta inoltre del titolo più ambizioso e migliore in assoluto firmato da Insomniac Games, nonché dell'esperienza più completa di Spider-Man mai creata. La nostra attenzione si pone principalmente sugli aspetti tecnici del gioco, se voleste conoscere il verdetto finale sulla diatriba del 'downgrade', leggete questo nostro articolo..

Quelli che si aspettvaano la conferma di un downgrade del codice finale di Marvel's Spider-Man, farebbero meglio a chiudere subito questo articolo. Abbiamo confrontato il gioco finale con la demo dell'E3 del 2017 e la nostra conclusione è che Insomniac ha compiuto una specie di miracolo: ci sono stati cambiamenti, come durante la produzione di qualsiasi altro gioco, ma non c'è stato alcun downgrade tecnico. Al contrario, ci spingiamo a dire che nella presentazione finale il gioco è migliorato in alcuni aspetti fondamentali, sia dal punto di vista tecnico che in quello artistico.

Digital FoundryShenmue HD Remaster: i miglioramenti sono pochi ma il porting è fantastico - analisi comparativa

Il Digital Foundry analizza il classico per console restaurato per l'hardware moderno.

Potrà anche non essere la remaster/remake completa che speravamo ma Shenmue e il suo sequel sono finalmente giocabili su hardware moderno, grazie a Sega e allo sviluppatore d3t. I titoli sono disponibili su PS4, Xbox One e PC con una conversione fedele agli originali apparsi su Dreamcast ma con un paio di novità interessanti.

Asphal 9 Legends di Gameloft è un gioco notevole secondo molti punti di vista, poiché porta su dispositivi mobile il genere racing arcade con qualità grafica da console, utilizzando numerose tecniche di rendering presenti nei più avanzati motori di gioco moderni. Il gioco è scaricabile gratuitamente, quindi provate e vedete cosa ne pensate. Noi lo abbiamo testato e siamo rimasti davvero sorpresi. E così, desiderosi di approfondire lo stato attuale dello sviluppo dei giochi mobile, abbiamo contattato Gameloft per saperne di più, scoprendo una storia piuttosto interessante.

Digital FoundryNintendo Switch: la modalità portatile analizzata come mai prima d'ora - articolo

Scopriamo tutti i segreti della configurazione portatile di Switch grazie a una nuova scheda di cattura.

La scorsa settimana siamo venuti in possesso di un Nintendo Switch molto particolare, basato sull'infrastruttura classica della console ammiraglia Nintendo ma con una nuova funzione che migliorerà significativamente il nostro coverage. Per farla breve, questo prototipo ci permette di catturare l'output video di Switch quando la console è in modalità portatile, e se questo non tende a essere molto utile per il giocatore medio, per Digital Foundry si tratta di una importantissima svolta. Possiamo infatti finalmente analizzare il rendimento di Switch in modalità portatile per confrontarlo con quello della modalità nel dock, e i risultati dei primissimi test che abbiamo effettuato sono sorprendenti.

Quando Bethesda ha annunciato di essere a lavoro su un porting di Doom (il reboot del 2016) per Nintendo Switch, era davvero difficile credere che fosse possibile ottenere una buona conversione. Panic Button, però, è riuscita a produrre il porting impossibile, accompagnato da una serie di problematiche ma assolutamente giocabile e, dal punto di vista tecnico, su Switch, davvero unico nel suo genere. Naturalmente, quando è stata annunciata anche la conversione del più impegnativo Wolfenstein 2, siamo stati scettici, ancora una volta, sul fatto che il gioco potesse ricevere un porting di alto livello, soprattutto considerando i problemi di frame-rate di Doom. Al momento della prova, tuttavia, siamo stati nuovamente sorpresi dal fatto che Wolfenstein 2, su Switch, è un miracolo tecnologico ancora maggiore del suo predecessore.

Nintendo non ha perso tempo a portare la maggior parte del suo catalogo Wii U su Switch e continua a farlo con l'arrivo di Captain Toad: Treasure Tracker, uno dei giochi più belli mai apparsi sulla console della grande N di scorsa generazione. Naturalmente, sappiamo che si tratta di un titolo derivato da un minigioco di Super Mario 3D World ma si tratta comunque di un ottimo prodotto standalone, grazie al suo mix di divertentissimi puzzle, una splendida grafica e una superba implementazione del concept a doppio schermo di Wii U. Questa volta, però, non si tratta di un normale progetto di conversione, perché Treasure Tracker non sta arrivando solo su Switch ma anche su 3DS.

Sapevamo che Forza Horizon 4 sarebbe stato presente all'E3 2018, ovviamente. Dopo tutto, un nuovo gioco di Forza arriva puntualmente ogni anno e, dato che Turn 10 ha rivelato Forza Motorsport 7 allo scorso E3 di Microsoft, quest'anno era il turno di Playground Games. Onestamente, lo aspettavamo con una certa trepidazione. Forza Horizon 3 era un gioco meraviglioso e un grosso passo avanti per la serie, ma ci chiedevamo se lo sviluppatore potesse riproporre un simile livello di potenza tecnica ed innovazione ancora una volta. Dopo lo strabiliante reveal e i 20 minuti di prova che ci sono stati concessi, possiamo dirvi che i segnali sono assolutamente positivi.

Digital FoundryThe Last of Us 2 spingerà il realismo al livello successivo - analisi tecnica

Il sistema di animazioni allo stato dell'arte di Naughty Dog sotto al microscopio.

Fino a che punto l'innovazione tecnologica potrà spingersi sulla corrente generazione di console? Sony ha avuto un ruolo di rilievo all'E3 2018 con una serie di eccellenti trailer di gameplay tra cui spicca The Last of Us Part 2 di Naughty Dog. In superficie, il gioco appare grandioso, proprio come ci aspettavamo: i personaggi incredibilmente dettagliati e le ambientazioni ricche di particolari confermano che il titolo è in ottimo stato di salute ma, se guardiamo più attentamente, potremo scorgere una serie di nuove tecnologie introdotte per l'occasione. Dal nostro punto di vista, le animazioni e le interazioni sono due aree importanti che separano questo gioco dai suoi rivali.

Digital FoundryDetroit: Become Human - analisi tecnica

Cosa succede quando vengono impiegati tecnologia avanzata, talento e un alto budget su un'esperienza più concentrata anziché su un immenso mondo aperto?

Man mano che i giochi tripla-A ad alto budget si sono spostati sempre di più verso mondi aperti più complessi e più grandi ci siamo chiesti: e se tutta quella potenza venisse concentrata in ambienti su scala ridotta e con una attenzione estrema ai dettagli? Questo è esattamente l'approccio che vediamo in , con lo sviluppatore Quantic Dream che propone il suo gioco migliore e una presentazione pulita e intricata come nessun'altra vista sul mercato a oggi.

Nei giorni scorsi Bethesda e id Software hanno distribuito un aggiornamento per introdurre la risoluzione 4K al reboot di Doom del 2016, promettendo miglioramenti alla qualità dell'immagine sia per PlayStation 4 Pro sia per Xbox One X. Le risoluzioni sono sicuramente aumentate ma è stato segnalato che, come conseguenza, le prestazioni ne hanno invece sofferto. I nostri test confermano questa situazione ma il lavoro svolto per Wolfenstein: The New Colossus, basato sull'id Tech-6, suggerisce una possibile soluzione.

God of War ritorna con una visione fresca per la serie, supportato da una nuova tecnologia e realizzato da uno dei migliori sviluppatori in circolazione. Santa Monica Studio è sempre stato noto per spingere i limiti tecnologici e il suo nuovo titolo non fa eccezione. Comunque, più di tutto, è chiaro che allo studio sia stato garantito il budget e il tempo per realizzare pienamente la sua ambiziosa visione: questi sono gli ingredienti essenziali per garantire un prodotto di qualità. Dai più piccoli dettagli ambientali alle più maestose delle bestie, God of War porta la grafica in tempo reale verso nuove vette spingendo, allo stesso tempo, l'hardware PlayStation ai suoi limiti.

Sea of Thieves offre ai giocatori un mondo cartoonesco fatto di storie grandi e piccole, ma forse nessuna di esse è significativa come quella dello stesso sviluppatore Rare. È difficile credere che, progetti Kinect a parte, sono passati ben nove anni da quando abbiamo visto l'ultimo gioco completo di questo studio. Molto è cambiato da allora, lo studio è passato dall'utilizzo di engine custom all'utilizzo del più standardizzato Unreal Engine 4. Ma questo titolo è un gioco abbastanza diverso rispetto ad ogni altro basato sul motore di Epic: Sea of Thieves è bellissimo e allo stesso tempo unico.

Ubisoft è in una situazione confortevole per lo sviluppo sulle quattro console casalinghe della generazione corrente: si tratta di hardware che sono simili in molti aspetti, ma ognuno è caratterizzato da una potenza GPU di un livello differente. Far Cry 5 ha molto in comune con Assassin's Creed Origins: sono essenzialmente in pari dal punto di vista delle feature grafiche su tutto il range di console, con la risoluzione che è il vero unico punto differenziale tra esse, e con il temporal anti-aliasing che cerca di attenuare le variazioni. Quei pixel in più però contano, e Xbox One X sta in testa al gruppo. Ma la conclusione fondamentale è che tutte le console ottengono un gioco fantastico qui.

Digital FoundryGod of War è la prossima grande vetrina tecnologica per la PS4 - articolo

Il Digital Foundry analizza un nuovo feed denso di azione su PS4 Pro.

Sony Santa Monica, uno studio sinonimo di eccellenza tecnica, sta per completare lo sviluppo dell'ultimo God of War, e la scorsa settimana abbiamo finalmente avuto l'occasione di vedere di più del gioco tramite il cristallino output video a 4K di PS4 Pro. Ed è subito stato evidente che ciò che appare su schermo è estremamente promettente. God of War non ha nulla da invidiare a titoli del calibro di Uncharted 4 e Horizon: Zero Dawn quando si tratta di qualità della tecnologia alla base del gioco.

primo precedente