La campagna Kickstarter di Kingdom Come: Deliverance parte con il piede giusto

Warhorse Studios in cerca di finanziamenti per il suo GDR open world.

Warhorse Studios, team formato da ex sviluppatori di Mafia, ha lanciato una campagna Kickstarter per Kingdom Come: Deliverance.

Il GDR open world, di cui potete vedere il nuovo video in calce alla news, è ispirato all'Europa medievale ed è caratterizzato dall'assenza di elementi fantasy come la magia. Uno degli slogan visibili nel video è, infatti, "Dungeons & no Dragons".

Il game director Daniel Vávra ha rivelato che il gioco verrà diviso in tre parti, e che i fondi raccolti su Kickstarter andranno ad aggiungersi a quelli garantiti dall'investitore ceco Zdenek Bakala.

"La cosa buona è che la storia è divisa fin dall'inizio in tre capitoli", ha spiegato Vávra, "quindi realizzare il gioco in questo modo ha senso".

Ogni capitolo sarà ambientato su una nuova mappa, ma sarà possibile visitare le locazioni dei capitoli precedenti. Il primo episodio vanterà nove chilometri quadrati di mappa e 30 ore di gameplay.

L'obiettivo della campagna Kickstarter è fissato a 300.000 sterline. In meno di un giorno ne sono già state raccolte oltre 80.000, cifra che sembra presagire un successo di buone proporzioni.

Kingdom Come: Deliverance è in sviluppo per PC (Windows e Linux), Mac, PlayStation 4 e Xbox One. La data di lancio è al momento prevista per il quarto trimestre del 2015.

Vai ai commenti (3)

Riguardo l'autore

Emiliano Baglioni

Emiliano Baglioni

Redattore

Emiliano si affaccia al mondo dei videogiochi all’epoca del Vic 20. Vive la sua storia di giocatore pensando che prima o poi crescerà e mollerà il joypad, ma non abbandona mai la sua passione, che riesce in qualche modo misterioso a conciliare con tutto il resto.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

ArticoloBaldur's Gate 3 - anteprima

La storia d'amore fra Larian Studios e Dungeons & Dragons.

Cyberpunk 2077: versione aggiornata per Xbox Series X gratis se si acquista il gioco per Xbox One

"I giocatori non dovrebbero mai essere costretti ad acquistare lo stesso gioco due volte o pagare per gli aggiornamenti".

Commenti (3)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza