Morto Alec Holowka, co-autore di Nights in the Woods

Recentemente era stato accusato di molestie sessuali e violenza sessuale.

Alec Holowka, uno dei tre autori di Nights in the Wood, Ŕ morto nella giornata di ieri, sabato 31 agosto. A dare la triste notizia Ŕ stata sua sorella, Eileen Mary Holowka, su Twitter.

Pochi giorni fa Holowka era stato accusato di molestie sessuali e violenza sessuale dalla sviluppatrice Zoe Quinn. A seguito delle accuse il progetto a cui stava lavorando Holowka Ŕ stato cancellato e lo sviluppatore Ŕ stato allontanato dagli altri autori di Nights in the Woods.

In una serie di post, Eileen Mary ha spiegato che il fratello per anni ha combattuto contro dei disturbi dell'umore e della personalitÓ.

"Alec era una vittima di abusi e ha anche speso la sua vita combattendo disturbi dell'umore e della personalitÓ. Non sto affermando che non abbia causato anche del male, ma in fondo era una persona che voleva offrire alle persone conforto e gentilezza. Gli ci Ŕ voluto del tempo per capire come."

"Negli ultimi anni, con la terapia, Alec Ŕ diventato una persona nuova... la stessa persona che Ŕ sempre stata ma senza nessun lato oscuro. Era calmo e felice, positivo e amorevole. Ovviamente, il cambiamento Ŕ un processo lento e non era perfetto, ma stava lavorando per riabilitarsi e avere una vita migliore."

"Abbiamo fatto del nostro meglio per supportare Alec, ma alla fine ha sentito di aver perso troppo."

Al momento non sono note le cause del decesso di Holowka, seppure siano facilmente intuibili dalle parole della sorella.

Eileen Mary ha ringraziato anche tutti i vari servizi di crisi e le persone che hanno supportato il fratello nelle scorse settimane. Inoltre afferma che Alec ha augurato il meglio alla sua accusatrice, Zoe Quinn, e ha chiesto di "non sfruttare la nostra tragedia come una scusa per molestare le persone.". Una volontÓ che purtroppo, come vedremo tra poco, non Ŕ stata rispettata.

Alec_Holowka

Nel frattempo, Zoe Quinn ha chiuso il suo account Twitter e numerosi utenti hanno dato il via all'hashtag #ZoeBodyCount, praticamente accusandola di essere stata la causa della morte di Holowka.

Indubbiamente mettere le persone alla gogna sui social senza alcuna prova Ŕ un atto disdicevole. E questo vale tanto per coloro che hanno puntato il dito contro Holowka nei giorni scorsi, quanto per coloro che ora stanno facendo lo stesso nei confronti di Zoe Quinn.

Fonte: GamesIndustry

Contenuti correlati o recenti

Doom Eternal, Dreams, Marvel's Avengers, Nioh 2 e moltissimi altri giochi in anteprima alla Milan Games Week 2019

Svelate le anteprime che faranno divertire ed emozionare gli appassionati di videogiochi

Secondo Sony "la realtÓ virtuale ha ancora molto da imparare"

Il pensiero di Shuhei Yoshida, presidente di SIE Worldwide Studios.

L'Accademia Italiana Videogiochi sbarca a Milano

Porte aperte per il primo open day nella sede meneghina.

Articoli correlati...

Sunset Overdrive Ŕ ufficialmente una IP di Sony

Il gioco fu lanciato come esclusiva Xbox One nel 2014.

Kickstarter nell'occhio del ciclone dopo il licenziamento di due organizzatori sindacali

Una ritorsione nei confronti del processo di sindacalizzazione?

Secondo le stime di un publisher le vendite dei titoli indie su Steam sono scese del 70% rispetto allo scorso anno

Ecco un'interessante analisi condotta da Mike Rose, director del publisher indie No More Robots.

Commenti (14)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza