Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

2 milioni di abbonati per SWTOR

Sono i numeri che si aspetta EA.

EA ha dichiarato che spera di superare i due milioni di sottoscrizioni per l'MMO Star Wars: The Old Republic.

La notizia giunge dall'analista Arvind Bathia dell'agenzia Stern Agee, il quale ha dichiarato a Industry Gamers che sebbene il costo per la creazione di questo titolo abbia colpito i guadagni dell'azienda, ci sono elevate speranze sul lungo termine.

"I guadagni sono piuttosto calati a causa delle spese sull'MMO di Star Wars, ma la dirigenza nutre elevate aspettative e ritiene che sia possibile raggiungere i due milioni di sottoscrizioni", ha spiegato Bathia.

Ha inoltre rivelato che il gioco richiederà oltre un milione di utenti paganti per raggiungere il break even, dal momento che si tratta del progetto più dispendioso della storia di EA. Anche se si parla solamente di una frazione dell'enorme base d'utenza vantata da World of Warcraft, si tratterebbe comunque di cifre superiori alla maggior parte degli MMO occidentali: il doppio di quanto fatto registrare da EverQuest al suo apice, il doppio rispetto agli obiettivi originari di Blizzard per WOW e tre volte rispetto agli iscritti di EVE Online e Warhammer Online.

Nel frattempo Ray Muzyka, il leader di BioWare, ha dichiarato a Kotaku che, nonostante The Old Republic segua il modello standard di sottoscrizione, il suo prezzo potrebbe avere in serbo delle "sorprese".

"Sarà qualcosa di più di un semplice modello tradizionale di business, magari con qualche particolarità", ha spiegato. "Quello ci che stiamo sforzando di fare è di assicurarci che i fan e il pubblico che stiamo cercando di raggiungere sentano di avere tra le mani qualcosa che possono comprendere e che si tratti di un buon modo per investire i loro soldi".

Vi ricordiamo che il lancio è previsto su PC per l'estate del 2011. Potete raggiungere la nostra pagina dedicata per saperne di più.

A proposito dell'autore

Davide Spotti

Contributor

Commenti