Final Fantasy XV: il character designer parla di un team "estremamente disorganizzato"

Ecco le parole di Roberto Ferrari.

Sin dal suo lancio si è parlato di Final Fantasy XV come di un gioco dallo sviluppo a dir poco travagliato, uno sviluppo che ha portato ad alcune sezioni tutt'altro che perfette.

Mentre per tutti i dettagli sul gioco vi invitiamo a dare un'occhiata da vicino alla nostra guida, alcune informazioni sullo sviluppo sono trapelate dalla dichiarazioni del character designer, Roberto Ferrari. Se il doppiatore inglese di Noctis, Ray Chase, aveva sottolineato che non c'erano stati dei tagli nella trama, Ferrari arriva quanto meno a confermare la disorganizzazione del team di sviluppo.

1

"Sono estremamente disorganizzati. Il nostro staff (che comprende 200 persone) ha dovuto lavorare a Final Fantasy XV mentre la storia doveva ancora essere completata", riporta Gaming Bolt. "Nel 2013 la storia cambiava circa ogni tre mesi e la data d'uscita era stata fissata per dicembre 2014. Nel mondo dell'animazione, che è da dove arrivo, la storia principale viene decisa prima di assumere lo staff in modo da evitare qualsiasi tipo di spreco".

Una qualità altalenante in alcune sezioni e un titolo non sempre perfetto sembrano, quindi, problemi assolutamente comprensibili considerando quanto il gioco è cambiato nel corso degli anni e questa disorganizzazione presente nel team di sviluppo.

Noi di Eurogamer.it non siamo riusciti a verificare in prima persona queste dichiarazioni riportate da parecchie testate sia italiane che straniere e quindi consigliamo di prendere le seguenti parole con le proverbiali pinze.

Vai ai commenti (10)

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Recensione | Gloomhaven - Dal cartone al digitale il passo è... falso

Il celebre gioco da tavolo arriva in formato digitale.

'The Elder Scrolls VI dovrà essere un gioco decennale' come Skyrim

Todd Howard punta forte su The Elder Scrolls VI.

Project Awakening è vivo e il nuovo video sfoggia un Cyllista Engine che flirta con il fotorealismo

Cygames ci mostra il motore grafico alla base di Project Awakening.

The Elder Scrolls VI potrebbe non uscire prima del 2026

Sarà un'attesa lunghissima per The Elder Scrolls VI?

Commenti (10)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza