Momentum e difficoltà dinamica in FIFA 19? EA nega ufficialmente ancora una volta

Il dibattito finirà mai?

La questione momentum, e in questo particolare, caso difficoltà dinamica è da anni una delle più annose all'interno dell'universo di FIFA con buona parte della community che denuncia la presenza di questo aspetto sempre prontamente smentito da EA stessa. Nel caso in vi aspettaste una sorta di ammissione da parte della compagnia non è di certo questo il caso.

EA ha deciso di intervenire sulla questione commentando la scoperta di un brevetto legato alla modifica dinamica della difficoltà. La scoperta di questo brevetto per molti è una conferma dell'esistenza di questo aspetto all'interno di FIFA 19 e dei precedenti capitoli della serie ma le parole del community manager, pubblicate sul forum ufficiale, sono in questo senso molto chiare.

"Abbiamo recepito le vostre preoccupazioni riguardo il brevetto della famiglia Dynamic Difficulty Adjustment (qui e qui) e volevamo confermare che non viene utilizzato all'interno di EA SPORTS FIFA. Non lo useremmo mai per avvantaggiare o svantaggiare un qualsiasi gruppo di giocatori contro altri in uno qualsiasi dei nostri giochi. La tecnologia è stata progettata per esplorare come si possa aiutare ad avere un'opportunità di avanzare quei giocatori che stanno incontrando delle difficoltà in una certa area di un gioco.

"In linea con questa dichiarazione e le regole del forum continueremo a rimuovere le discussioni e i post riguardanti questo argomento. Questo a causa di conversazioni spesso non costruttive e alla tendenza dei threads ad andare off-topic e a deragliare".

Ovviamente ai giocatori non piacerà di certo vedersi censurare le discussioni sull'argomento e molti vedranno questo atteggiamento come un'ammissione palese del fatto che il fenomeno esista eccome.

1

In parole povere EA nega che un brevetto di questo tipo sia stato introdotto in qualche modo all'interno di una qualsiasi delle modalità di FIFA 19 e dei precedenti capitoli. Ma cosa dice esattamente questa famiglia di brevetti? In pratica garantirebbe la possibilità di modificare parametri e abilità dei giocatori all'interno della partita migliorando o peggiorando giocatori avversari e/o quelli utilizzati.

Dibattito quindi chiuso? Considerando che questa non è di certo la prima smentita ufficiale di EA dubitiamo che i fan abbandoneranno le critiche quando si troveranno di fronte a portieri apparentemente insuperabili o ad attaccanti improvvisamente diventati brocchi proprio quando un goal a fine partita sembrava pressoché fatto.

Vai ai commenti (7)

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

La Juventus in FIFA 20 si chiamerà Piemonte Calcio

Ecco il nome del club bianconero nel gioco di EA.

E3 2019: Konami annuncia eFootball PES 2020

La nuova rivoluzione di PES è arrivata.

E3 2019: ecco tutte le modifiche apportate al gameplay di FIFA 20

Chi preordinerà il gioco su Amazon avrà uno sconto di 20 euro.

Commenti (7)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza