Cyberpunk 2077 su PS5 e Xbox Series X ed S: mille volte meglio delle versioni last-gen? - articolo

Il Digital Foundry mette alla prova prestazioni e qualità dell'immagine.

Ormai lo sanno tutti che Cyberpunk 2077 su PlayStation 4 e Xbox One è in uno stato decisamente travagliato, con prestazioni più che critiche. Stiamo preparando per voi un confronto completo tra tutte le versioni last-gen, ma per fortuna i possessori di PlayStation 5 e Xbox Series X ed S se la passano meglio. Se è vero che il gioco punta molto sulla retrocompatibilità (e non sfrutta le capacità della next-gen), è anche vero che l'architettura delle nuove macchine Microsoft e Sony è ben più portata a reggere l'impatto col titolo CD Projekt RED. Anche su Stadia, per quel che abbiamo visto fino ad ora, i risultati sono positivi.

Il segreto delle prestazioni di Cyberpunk 2007 su next-gen non è tutto nei teraflop, ma è più il risultato di diversi fattori. In questa pagina troverete un video che parla delle versioni PlayStation 4 e PS4 Pro nel quale individuiamo due principali punti di debolezza tecnologici: CPU e tipologia dello spazio di archiviazione. Certo, anche sul fronte di GPU ci sono criticità, ma è chiaro che SSD e CPU potenti siano fondamentali, com'è evidente da Xbox Series S che facilmente supera le prestazioni di PlayStation 4 Pro.

Tra gli aspetti più interessanti di Cyberpunk 2077 su next-gen c'è il fatto che non vediamo in movimento semplicemente la versione PS4/Xbox One, visto che il software sa di girare su un hardware più performante e cerca di sfruttarlo. Su PlayStation 5, questo succede nella sua forma più semplice: al massimo la risoluzione dinamica sembra fermarsi a 1188p come su PlayStation 4 Pro (che va dai 972p ai 1188p), ma non c'è più il limite dei 30fps, cosa che si traduce in una frequenza di aggiornamento quasi sempre sui 60fps, tranne che in determinati casi come per esempio durante le fasi di guida dove ci si aggira attorno ai 50fps.

Ecco Cyberpunk 2077 su PlayStation 5, Xbox Series X e Xbox Series S.

Anche su Xbox Series X non ci si ferma alla retrocompatibilità. Sotto molti aspetti la versione del codice sembra analoga a quella che troviamo su Xbox One X, ma su next-gen arriva la possibilità di scegliere tra modalità qualità e prestazioni. La modalità prestazioni ferma la risoluzione a 1080p e ha come obiettivo i 60fps, ma curiosamente non raggiunge mai i livelli di PS5: in un confronto 1:1 abbiamo notato varie situazioni in cui la console Sony sembra cavarsela meglio, ma dobbiamo dire che su Series X è evidente siano state selezionate impostazioni più alte per quanto riguarda almeno il conto di NPC e veicoli a schermo.

Al momento possiamo dire che la migliore versione console è su Series X in modalità qualità, con un frame-rate limitato a 30fps e risoluzione dinamica che viaggia tra i 1512p della città e i 1728p in zone meno complesse (abbiamo visto punte di 1800p). Ovviamente si sacrifica qualcosa in termini di latenza, ma il maggior numero di pixel a schermo si fa apprezzare. Cyberpunk 2077 usa il temporal super-sampling in maniera aggressiva (praticamente sfrutta le informazioni dei fotogrammi precedenti per arricchire quello a schermo), il che si traduce in un gioco sensibilmente meno sfocato. Ci sono anche altri miglioramenti sul fronte dell'ambient occlusion, assente sia su PS5 che in modalità prestazioni sulla console Microsoft.

La scelta è interessante, dunque. Se il vostro obiettivo è il frame-rate, allora vince PlayStation 5 (però se avete un monitor con frequenza di aggiornamento variabile sappiate che fa miracoli anche su Xbox Series X), mentre se puntate alla pura qualità grafica (con il bonus di qualche effetto in più) allora vince la console Microsoft in modalità qualità (ferma a 30fps). Sospettiamo che questa differenza sia dovuta al modo in cui le due console gestiscono la retrocompatibilità: sappiamo che Xbox permette ai titoli Xbox One di “sapere” che girano su un hardware superiore, mentre le opzioni disponibili su PlayStation sono ancora avvolte nel mistero. Sembra che il frame-rate sbloccato sia simile a quello che Sony ha aggiunto a Ghost of Tsushima su PS5, ma non abbiamo informazioni chiare.

Xbox Series X QualitàPlayStation 5Xbox Series X PrestazioniXbox Series S
La risoluzione di Cyberpunk 2077 è bassa tranne che su Xbox Series X in modalità qualità a 30fps. L'illuminazione cambia col cambiare dell'ora del giorno, cosa che rende difficile i confronti diretti.
Xbox Series X QualitàPlayStation 5Xbox Series X PrestazioniXbox Series S
La modalità qualità di Xbox Series X e Xbox Series S sfrutta l'ambient occlusion, cosa che non succede su PlayStation 5 o Xbox Series X in modalità prestazioni.
Xbox Series X QualitàPlayStation 5Xbox Series X PrestazioniXbox Series S
Il numero di NPC e veicoli a schermo è sensibilmente maggiore su console Xbox, anche se chiaramente un confronto diretto su un aspetto così dinamico è impossibile.
Xbox Series X QualitàPlayStation 5Xbox Series X PrestazioniXbox Series S
Un'altra immagine in cui si notano i miglioramenti dovuti all'ambient occlusion su Xbox Series X in modalità qualità e su Series S.
Xbox Series X QualitàPlayStation 5Xbox Series X PrestazioniXbox Series S
Il LOD dell'illuminazione sembra più lontano su Series X in modalità qualità e su Series X in alcune scene. Guardate le luci sull'edificio a destra.
Xbox Series X QualitàPlayStation 5Xbox Series X PrestazioniXbox Series S
Abbiamo sfruttato i punti di viaggio rapido per allineare le immagini il più possibile, ma ovviamente una concordanza perfetta non è raggiungibile.

Su Series S la situazione è interessante: in tutti i giochi provati precedentemente, Series S sfruttava le impostazioni di Xbox One S, il che vuol dire che se un gioco gira al massimo a 30fps e 900p, così rimane indipendentemente dalle maggiori capacità hardware. Ecco perché non ci aspettavamo di assistere a chissà quale balzo in avanti, soprattutto perché su Xbox One S la risoluzione si ferma a 1440x810. La buona notizia è che, nonostante quello sia chiaramente il punto di partenza, qui ci sono delle migliorie.

Cyberpunk 2077 su Xbox Series S gira come se fosse una versione speciale della modalità qualità su Xbox Series X. La risoluzione è ovviamente molto inferiore, a volte anche sotto i 1080p, ma con punte massime di 1296p che superano persino PS5. Soprattutto, questa versione del codice mantiene tutti i vantaggi della modalità qualità quali maggiore densità di NPC e veicoli, e ambient occlusion. Certo, l'immagine è un po' sfocata, ma il frame-rate è piuttosto solido: manca la modalità prestazioni e per la maggior parte del tempo siamo attorno ai 30fps, cosa che comunque è preferibile rispetto a frequenze altalenanti.

Addirittura sembra che Series S a 30fps sia più stabile in generale di Series X, ma in ogni caso è chiaro che al prezzo di questa console è praticamente impossibile trovare un'esperienza migliore. La last-gen Microsoft e Sony è spremuta oltre il suo limite e non riesce a mantenere un frame-rate di questo livello, e gli sporadici cali di Series S non viziano l'esperienza di gioco.

Cyberpunk 2077 su last-gen non se la passa bene: ecco PlayStation 4 e PS4 Pro a confronto.

Mentre pensavamo ai vantaggi di una macchina relativamente poco costosa e capace di far girare Cyberpunk 2077, il pensiero è inevitabilmente andato verso Google Stadia. Il piano iniziale era di guardare ai servizi di streaming dopo aver completato l'analisi delle console, ma ora si può provare Stadia senza nemmeno pagare hardware specifici o sottoscrizioni, solo il prezzo del gioco, e allora abbiamo fatto un test su una connessione a fibra ottica da 35mbps (che in precedenza non se l'era cavata benissimo). Ecco, le cose sembrano migliorate: prima di tutto questo tipo di connessione ora è valutato come eccellente o buono dal sistema, e poi CD Projekt RED ha affidato la conversione allo sviluppatore polacco QLOC, con risultati più che buoni.

Ovviamente troverete su queste pagine un'analisi completa, ma per ora possiamo già dire che i 60fps sono la norma tranne che nelle fasi di guida in città, dove abbiamo riscontrato dello stutter. Così come su Series X, anche su Stadia sono disponibili due modalità dedicate alla qualità o alle prestazioni, e il porting sembra avere tutte le caratteristiche delle altre versioni tranne che per l'opzione grafica della grana da film, che per una serie di motivi non è compatibile con lo streaming. Insomma, le primissime impressioni sono positive, e poi chiaramente Cyberpunk 2077 su Stadia gira molto meglio che sulle console last-gen. La modalità a 60fps magari non sarà granitica, ma ha dalla sua una minore latenza. L'ultima opera di CD Projekt RED è un po' una delusione sulle vecchie console, ma almeno ci sono alternative: Stadia non sarà la versione ottimale del titolo, ma certo gli rende più gloria di PS4 e Xbox One.

Come potete immaginare, il Digital Foundry ha ancora parecchie analisi di Cyberpunk 2077 in serbo per voi. Abbiamo quasi terminato l'analisi delle versioni last-gen e finito di individuare le impostazioni ottimali per la versione PC (dove puntiamo ad avere le prestazioni migliori possibili senza sacrificare la bellezza del titolo). Quello che comunque è già chiaro, è che si tratta di un gioco che traccia una netta linea di demarcazione tra versioni next e last-gen, tanto che non siamo sicuri sia stata una buona idea farlo uscire su Xbox One e PlayStation 4. Visto quello che può fare la versione PC (con i suoi requisiti alle stelle), è ovvio chiedersi se un port last-gen decente sia possibile. Anche mettendo da parte i bug, l'impressione è che ci siano dei limiti hardware semplicemente insormontabili.

Anche l'analisi di PlayStation 5 e Xbox Series non finisce qui, però, visto che il Cyberpunk 2077 che fanno girare ora sfrutta la retrocompatibilità. Siamo curiosi di sapere cosa succederà al codice una volta che sarà ripensato per la next-gen nel 2021, e quante delle caratteristiche della versione PC manterrà.

Vai ai commenti (12)

Riguardo l'autore

Richard Leadbetter

Richard Leadbetter

Technology Editor, Digital Foundry  |  digitalfoundry

Rich has been a games journalist since the days of 16-bit and specialises in technical analysis. He's commonly known around Eurogamer as the Blacksmith of the Future.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (12)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza