The Witcher 2 Soluzione, Atto 2, Preludio di guerra: Aedirn

La guida di Eurogamer per non restare fermi al bivio.

THE WITCHER 2: ATTO 2: SENTIERO DI IORVETH

Preludio di guerra: Aedirn

Se avete scelto di partire con Iorveth verso Vergen, casa di Saskia, Vergine di Aedrin, inizierete il secondo atto nei panni di Stennis, figlio del defunto Demavend, ed erede al trono di Aedrin. La vostra missione è incontrarvi con Henselt, re di Kaedwen, che avanza delle pretese sulle terre dell'Alto Aedirn.

Arrivati all'incontro con Henselt, la sua offerta sarà di lasciare la corona sulla vostra testa in cambio dei territori del Lomark, altrimenti dovrete affrontare la sua ira. Dopo varie minacce e provocazioni il Re vi sfiderà a duello, o chiederà ai suoi uomini di catturarvi, in base a come gli avrete risposto. Il combattimento che ne scaturirà non è molto complesso, basterà ricordarsi di parare molto e colpire con pazienza, senza buttarsi troppo nella mischia. A un certo punto la situazione si farà molto più spettrale, e appariranno i fantasmi dei caduti nell'ultimo scontro avvenuto nella zona, che risale a tre anni fa. Ovviamente Geralt ci si troverà nel mezzo, e voi tornerete a comandare il buon vecchio witcher.

Adesso dovrete tirare fuori Stennis e Saskia dalla spinosa situazione che si è andata a creare, al vostro fianco ci saranno Iorveth e un gufo che sembra conoscere una strada sicura nella nebbia. Il gufo è in verità Philippa Eilhart, una maga che aiuta il popolo di Aedirn. La maga vi circonderà con una barriera magica e vi proteggerà con dei fulmini dai demoni che vi circondano.

Ovviamente non è consigliabile combattere i demoni e uscire dalla barriera magica, i nemici sono così tanti che verreste quasi certamente sopraffatti. Spesso il gufo si fermerà e dovrete combattere delle Wraith, utilizzando i vostri attacchi più potenti, più che veloci. Seguendo il gufo uscirete infine fuori dalla nebbia, e potrete parlare con Philippa e Saskia che dovranno consultarsi con i loro comandanti per capirne di più sullo strano fenomeno che si è verificato. Al termine del dialogo vi ritroverete nella fortezza nanica, dove potrete fare un po' di esplorazione prima di recarvi al consiglio.

Il consiglio di guerra

Arrivati alla riunione vi ritroverete di fronte a Philippa Eilhart, Saskia, Stennis, Zoltan, Yarpen Zigrin, e il fior fiore della nobiltà di Aedirn. La prima cosa da fare secondo il consiglio è spezzare la maledizione dal campo di battaglia e far sparire la nebbia, un compito che verrà assegnato a voi e a Philippa, e per il quale vi serviranno quattro oggetti magici. Purtroppo, al termine del consiglio, Saskia viene avvelenata durante il brindisi finale, quindi prima di poter proseguire con la vostra missione dovrete aiutare Philippa a guarire la Vergine.

Per farlo avrete bisogno di quattro ingredienti: una sempreviva, un sogno del drago, sangue reale e una rosa del ricordo. Si sbloccheranno quindi quattro quest (oltre a Questione di vita o di morte, che è la quest principale dell'avvelenamento di Saskia): Vita Sotterranea, A caccia di Magia, Sangue Reale e Dov'è Triss Merigold?, che vi porteranno a trovare tutto ciò di cui avete bisogno.

Vai ai commenti (4)

Riguardo l'autore

Lorenzo Fantoni

Lorenzo Fantoni

Redattore

Dentro un rugbista di 110kg dedito agli stravizi, batte il cuore di nerd vecchio stampo con lo sguardo perennemente abbronzato da uno schermo, anche d'estate.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Recensione | Gloomhaven - Dal cartone al digitale il passo è... falso

Il celebre gioco da tavolo arriva in formato digitale.

'The Elder Scrolls VI dovrà essere un gioco decennale' come Skyrim

Todd Howard punta forte su The Elder Scrolls VI.

Project Awakening è vivo e il nuovo video sfoggia un Cyllista Engine che flirta con il fotorealismo

Cygames ci mostra il motore grafico alla base di Project Awakening.

The Elder Scrolls VI potrebbe non uscire prima del 2026

Sarà un'attesa lunghissima per The Elder Scrolls VI?

Commenti (4)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza