Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Codemasters cestina Hei$t

I prossimi titoli sviluppati internamente.

Le conseguenze di questo evento sono piuttosto pesanti, visto che il publisher inglese smetterà quasi del tutto di pubblicare titoli sviluppati esternamente.

“Dopo un periodo di sviluppo estremamente lungo, il progetto di Hei$t è stato bloccato e rimosso dalle nostre liste di uscita. Codemasters sta lavorando in modo da inserire nel proprio portfolio futuro solo titoli di qualità, che verranno principalmente sviluppati e prodotti dai nostri studi interni” recita un comunicato della compagnia. La decisione di Codemasters è maturata dopo che titoli sviluppati in esterna come Rise of the Argonauts e Damnation hanno ottenuto voti bassi rivelandosi dei fallimenti anche dal punto di vista commerciale. I successi del 2009, per il publisher, sono stati Ashes Cricket 2009 (esterno; Transmission Games), DIRT 2 (interno) e Operation Flashpoint 2: Dragon Rising (interno). Overlord II (esterno: Triumph Studios), pur avendo ricevuto buone recensioni dalla critica non ha avuto l'impatto sperato sulle classifiche di vendita.

Hei$t è stato sviluppato da inXile Entertainment, responsabile del GDR umoristico The Bard's Tale. Annunciato nel 2007, il gioco era ambientato in una San Francisco di fine anni '60, e seguiva le avventure di una banda di criminali impegnata a progettare rapine in banca con elaborati piani di fuga.

Era da tempo che le notizie relative a questo gioco avevano smesso di arrivare, e il fatto che nessuno avesse comunicato nulla dopo che il titolo aveva bucato l'uscita prevista nell'estate 2008, non lasciava certo ben sperare.

Taggato come

A proposito dell'autore

Avatar di Filippo Facchetti

Filippo Facchetti

Contributor

Filippo Facchetti è un rispettabile nerd da sempre appassionato di "giochini elettronici". Prima di approdare a Eurogamer scrive per importanti riviste di settore e conduce programmi TV dedicati all'intrattenimento digitale.

Commenti