Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Call of Duty ha più di 3.000 sviluppatori al lavoro sulla serie

Activision rivela l'impressionante numero di sviluppatori al lavoro su Call of Duty.

Oltre 3.000 sviluppatori sono al lavoro sulla serie di Call of Duty.

Con due nuovi titoli Call of Duty in arrivo, vi aspettereste che un numero considerevole di persone stia lavorando al franchise in questo momento. Ma l'enorme cifra rivelata in un recente report di Activision Blizzard potrebbe sorprendere i fan.

Come riportato da Tweak Town, il report di Activision afferma che la serie Call of Duty ha ora più di 3.000 persone che ci lavorano. Ciò rappresenta il 31% del totale dei dipendenti dell'azienda, che attualmente ammonta a 9.800 sviluppatori. Costituendo quasi un terzo dell'intera forza lavoro di Activision, questo vasto numero mostra quanto sia importante Call of Duty per il publisher.

"Stiamo lavorando al piano più ambizioso nella storia di Call of Duty, con oltre 3.000 persone che ora lavorano al franchise e al ritorno di Modern Warfare che ha prodotto il nostro titolo Call of Duty di maggior successo di sempre", afferma Activision.

Il prossimo titolo della serie, Call of Duty: Modern Warfare 2, è stato svelato la scorsa settimana con un breve teaser che mostrava il logo del gioco. È in arrivo anche un sequel di Warzone, che secondo Activision conterrà "innovazioni rivoluzionarie". La società spera di attirare i giocatori dopo che i risultati finanziari del primo trimestre hanno rivelato che la base di utenti di Call of Duty è diminuita di 50 milioni di giocatori nell'ultimo anno.

Fonte: Gamesradar.

Sign in and unlock a world of features

Get access to commenting, newsletters, and more!

In this article
Related topics
A proposito dell'autore
Avatar di Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Contributor

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Commenti