Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Nintendo Switch OLED messo alla 'prova burn-in' tenendolo acceso per 3.600 ore

Cosa succede a Nintendo Switch OLED dopo così tante ore?

Gli schermi OLED sono una delle migliori tecnologie per la visualizzazione di giochi, grazie alla loro luminosità, ai colori ricchi e alla possibilità di mostrare un livello di nero profondo: tuttavia c'è anche l'altro lato della medaglia poiché questo tipo di schermi è soggetto al burn-in delle immagini.

Una serie di test approfonditi dello YouTuber e conduttore di Twitch Bob "WulffDen" Wulff hanno rivelato che per avere un iniziale accenno di burn-in in Nintendo Switch OLED si sarebbe dovuto tenere il modello acceso per 3.600 ore.

Wulff ha lasciato lo schermo OLED di Switch bloccato su The Legend of Zelda: Breath of the Wild, ha impostato la console alla massima luminosità e ha controllato ogni tanto per vedere se erano stati fatti danni. Lo YouTuber ha anche capito come aggirare la protezione integrata del sistema di Nintendo utilizzando un Joy-Con di terze parti, aggirando il limite di cinque minuti dell'hardware per l'inattività che poi spegne lo schermo.

Attualmente, Wulff sta continuando i test e non si fermerà fino a quando la console non sarà in uno stato non utilizzabile. Tuttavia con questa prova i giocatori più assidui di Nintendo Switch OLED dovrebbero stare tranquilli.

Fonte: Nintendo Life

A proposito dell'autore

Claudia Marchetto

Contributor

Commenti