Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

PlayStation e le accuse di discriminazione di genere: altre otto donne parlano di trattamento sessista

Si intensificano le accuse contro PlayStation.

Altre otto donne, ex e attuali dipendenti di Sony PlayStation, hanno aggiunto i loro resoconti di trattamento sessista a una proposta di class action contro il gigante dei videogiochi.

Le nuove dichiarazioni si aggiungono all'affermazione dell'ex security analyst Emma Majo secondo cui PlayStation, come molte altre società di videogiochi, ha da tempo una cultura del posto di lavoro ostile alle donne.

Majo ha intentato una causa per discriminazione di genere contro PlayStation lo scorso novembre, non solo per quello che lei dice essere il suo licenziamento illegittimo dopo essersi lamentata del sessismo, ma a nome di tutte le donne che hanno lavorato per l'azienda. Sony ha negato le affermazioni di Majo il mese scorso, chiedendo a un tribunale di archiviare la causa per mancanza di fatti specifici.

In risposta, l'avvocato di Majo ha presentato di recente le dichiarazioni di otto donne, inclusa un'attuale dipendente PlayStation.

Le donne descrivono una serie di comportamenti in più uffici PlayStation con sede negli Stati Uniti, inclusi commenti umilianti, avance sgradite, mancanza di attenzione rivolta al loro lavoro o alle loro idee e, più frequentemente, la sensazione che fosse più difficile per le donne essere promosse in azienda.

Marie Harrington, veterana di Sony Online Entertainment e Sony PlayStation da oltre 16 anni, ha citato la mancanza di donne per ruoli senior. Ha detto che solo quattro donne sono state prese in considerazione per delle promozioni, rispetto a quasi 70 uomini. Ha descritto di aver sentito commenti sulla vita familiare delle candidate donne che non erano stati fatti su candidati maschi.

Cover image for YouTube videoPlayStation 5 RECENSIONE: Ritorno al Futuro!

Un'altra donna ha citato uno studio di terze parti che ha riscontrato un "grande squilibrio in termini di distribuzione dei dipendenti" nel suo team. "Credo che Sony non sia attrezzata per gestire adeguatamente gli ambienti tossici", ha scritto Kara Johnson, ex program manager.

Johnson ha detto di conoscere 10 donne che avevano lasciato il suo ufficio a Rancho Bernardo, in California, nei quattro mesi precedenti la sua partenza, un segno per lei di problemi sistemici. La sua dichiarazione include una lettera che ha condiviso con le dipendenti di sesso femminile quando ha lasciato l'azienda a gennaio, citando ripetuti tentativi di informare i superiori su pregiudizi di genere, presunta discriminazione contro le donne incinte e altro.

Sony, al momento, non ha risposto a una richiesta di commento sulle nuove affermazioni emerse.

Fonte: Axios.

Sign in and unlock a world of features

Get access to commenting, newsletters, and more!

Related topics
A proposito dell'autore
Avatar di Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Contributor

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Commenti