Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Tencent: David Jaffe avrebbe rifiutato un accordo da $100 milioni. 'Non voglio avere niente a che fare con loro'

David Jaffe, papà di God of War, rifiuta l'offerta di Tencent come critica al governo cinese.

Il creatore di Twisted Metal David Jaffe ha affermato di aver rifiutato un'offerta di Tencent per dirigere un gioco con un budget di $100 milioni a causa delle sue opinioni sul governo cinese.

Parlando al podcast Sacred Symbols+, il director dell'originale God of War ha discusso di come si sentiva a disagio nel trattare con l'azienda dopo aver ricevuto la sua offerta.

"Avevo un affare da 100 milioni di dollari", ha affermato. “Sono stato corteggiato da un'azienda cinese... e ho detto 'no grazie'... perché sei Tencent e non voglio avere niente a che fare con te".

Più avanti nel podcast, mentre Moriarty e Jaffe discutevano dell'aumento del denaro investito negli studi di tutto il settore, Jaffe ha elaborato alcuni dei motivi per cui ha rifiutato l'accordo con Tencent.

"Smettetela di uccidere le persone", ha detto. “In Cina, vieni prelevato dalla strada se vai online e dici qualcosa di negativo sulla polizia o sul governo o altro e chissà quando ti vedranno di nuovo".

In seguito alla pubblicazione di questa storia, Jaffe ha anche condiviso quella che sembra essere una corrispondenza con il suddetto dirigente di Tencent in cui ha ulteriormente spiegato la sua decisione di rifiutare l'offerta.

Oltre alle sue opinioni sulla Cina, Jaffe ha affermato di voler continuare a dedicare il suo tempo a parlare e trasmettere giochi in streaming sul suo canale YouTube.

Oltre a possedere il produttore di League of Legends Riot Games, Tencent ha anche una partecipazione del 40% in Epic Games e detiene azioni in Activision Blizzard, Ubisoft, la società madre di PUBG Studios Krafton, PlatinumGames, Marvelous Inc e Playtonic Games.

Sebbene non sia statale, la società intrattiene uno stretto rapporto con il governo cinese grazie al suo status di una delle più grandi società di videogiochi al mondo. Tencent possiede anche la popolare app di messaggistica cinese WeChat.

Fonte: VGC.

A proposito dell'autore
Avatar di Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Contributor

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Commenti