Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Chris Avellone accusato di molestie sessuali: colpevole o innocente, la rete ha deciso e gli studi di Dying Light 2 e Vampire Bloodlines 2 rispondono

AGGIORNAMENTO: Anche il publisher di Alaloth prende le distanze.

Aggiornamento: Anche All In! Games e Gamera Interactive (team italiano), rispettivamente publisher e sviluppatori di Alaloth: Champions of the Four Kingdoms, hanno annunciato ufficialmente di prendere le distanze da Chris Avellone sottolineando come in realtà la collaborazione per il progetto fosse ormai terminata e come quindi non si tratti di una interruzione vera e propria della collaborazione.

Il messaggio condiviso su Twitter è il seguente:

"Il lavoro che Chris Avellone ha svolto su Alaloth: Champions of The Four Kingdoms è stato completato prima di queste dichiarazioni riguardo gli abusi che sono state condivise la scorsa settimana. All In! Games tratta molto seriamente questo tipo di questioni e si pone contro il tipo di comportamento di cui si sospetta. Siamo dalla parte di coloro che condividono le loro storie e rendono la nostra industria un luogo migliore".

News originale: Chris Avellone, game designer diventato famoso negli anni '90 in seguito al suo lavoro su Fallout 2, è stato accusato di molestie sessuali da parte di più donne. Avellone ha lavorato come writer freelance dopo aver lasciato lo sviluppatore Obsidian Entertainment nel 2015. Ora, i diversi studi con cui ha recentemente lavorato hanno parlato della vicenda accaduta e del suo coinvolgimento con i loro progetti.

Tra gli studi che hanno affrontato la questione c'è Paradox Interactive, che afferma che nessuno dei contributi di Avellone a Vampire: The Masquerade - Bloodlines 2 sarà incluso nel gioco, anche se sembra che ciò non derivi dai recenti avvenimenti. Secondo un rappresentante di Paradox, il ruolo di Avellone in Vampire Bloodlines 2 era "piccolo" e qualunque contenuto avesse creato per il gioco non sarà utilizzato a tutti gli effetti. "Chris Avellone ha lavorato brevemente con il team di Bloodlines 2 all'inizio dello sviluppo del gioco", ha detto Paradox. "Attraverso un processo creativo iterativo, tuttavia, nessuno dei suoi contributi rimarrà nel gioco che Hardsuit Labs sta continuando a sviluppare." Paradox non ha espressamente commentato le accuse mosse contro Avellone.

Lo sviluppatore di Dying Light 2, Techland, ha dichiarato di aver interrotto i rapporti lavorativi con Avellone. "Trattiamo le questioni di molestie sessuali e mancanza di rispetto con [la] massima cura e non tolleriamo tali comportamenti - vale sia per i nostri dipendenti che per i consulenti esterni, tra cui Chris", ha affermato Techland. "Questo è il motivo per cui, insieme a Chris Avellone, abbiamo deciso di porre fine alla nostra collaborazione". Avellone era un writer del prossimo gioco di sopravvivenza-zombi-parkour di Techland.

Un altro sviluppatore per cui stava scrivendo, Gato Studio, ha detto che rivaluterà il rapporto lavorativo con Avellone: "Chris Avellone non è più associato a Gato Studio o al progetto Waylanders", ha dichiarato Gato Studio su Twitter.

Secondo la writer Emily Grace Buck di Gato Studio, Chris "non è più coinvolto nel progetto", con la Buck che ha rivelato di essere stata la writer principale da sempre. "Waylanders ha ben poco scritto da lui, e darò un'occhiata alle sue scene", ha detto la sviluppatrice. "Nessuno nel team sapeva nulla di quanto accaduto."

Che ne pensate di questa vicenda?

Fonte: Gamespot.

A proposito dell'autore

Avatar di Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Contributor

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Commenti

More News

Ultimi Articoli