Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Core Online è stata una mossa "egoista" per attirare utenti

Square Enix vuole più giocatori per i suoi titoli.

Il lancio del portale Core Online nasce da un desiderio "egoista" ma "ovvio" di espandere il proprio pubblico e far sì che più utenti provassero i titoli Square Enix.

Lo ha svelato Phil Rodgers, boss della divisione europea del publisher, ai microfoni di GamesIndustry International.

Rodgers ha inoltre anticipato l'arrivo di Lara Croft and the Guardian of Light, Tomb Raider Underworld e Gyromancer sulla piattaforma, in aggiunta ai già disponibili Hitman: Blood Money e Mini Ninjas.

"Prendete Mini Ninjas. Pensiamo che dovrebbe essere stato giocato da milioni di persone e invece non è così, non è stato giocato neppure da un milione", ha spiegato Rodgers. "Quindi come potevamo ottenere un pubblico più ampio? È così che abbiamo avviato il servizio. Crediamo nei nostri giochi, crediamo che più persone possano trovare e giocare ai nostri titoli, meglio sia".

A proposito dell'autore
Avatar di Paolo Sirio

Paolo Sirio

Contributor

Boxaro ma non troppo, sonaro a tratti con un occhio di riguardo per Nintendo, comprende ben presto che il mestiere del giornalista, filtrato per la passione dei videogiochi, ha tutto un altro sapore.

Commenti